MissiOnewsPolitica&EconomiaTrasporti

Slitta a marzo il trasloco nel nuovo scalo di Istanbul

Inaugurato ufficialmente il 29 ottobre scorso (leggi qui), ma con il trasloco già previsto per inizio 2019, questa data per lo spostamento dei voli dall’Ataturk al nuovo scalo di Istanbul, conosciuto anche come Istanbul Grand Airport (vedilo qui) slitta ancora; sarà a marzo. Senza tirare in ballo fallimenti epocali come il Nuovo scalo di Berlino Brandeburgo (leggi qui), il nuovo mega-hub di Turkish Airlines sta accumulando diversi ritardi, come ha sottolineato anche l’agenzia di stampa governativa DHA. Che ha annunciato come il nuovo aeroporto di Istanbul accoglierà i passeggeri dell’Atatürk a marzo. o, a questo punto, sarebbe meglio scrivere “dovrebbe accogliere”.

Slitta a marzo l’apertura del nuovo scalo di Istanbul, che avrà una capacità iniziale di 90 milioni di passeggeri

Il nuovo scalo di Istanbul dovrà accogliere tutti i voli dall’aeroporto di Atatürk, ovvero più di 2mila voli giornalieri per 63,7 milioni di passeggeri all’anno (leggi qui un interessante studio sui mega-hub europei), e avrà una capacità, nella prima fase, di 90 milioni di passeggeri e 200 milioni entro il 2022, diventando il più grande hub del mondo una volta terminati i lavori. Attualmente sono cinque i collegamenti aperti sullo scalo, tutti operati da Turkish Airlines, ovvero gli scali internazionali di Baku, in Azeirbaigian, ed Ercan a Cipro Nord, più i voli domestici per Adalia, Ankara e Smirne. Turkish che, ricordiamo, è la compagnia che collega più paesi a mondo in assoluto (leggi qui) e che punta ovviamente forte sul nuovo scalo della ex-Costantinopoli per rafforzare il suo ruolo di compagnia che può facilmente collegare l’Est con l’Ovest e il Nord con il Sud.

Atmosfair - le compagnie più green
Precedente

Le compagnie più green secondo l'Atmosfair Airline Index

Short List IMA
Successivo

Ecco la Short List IMA! Scelta tra candidature da record