EconomiaMissiOnewsTrasporti

Battaglia tra giganti al Dubai Air Show. Mega ordine Airbus

Si è chiuso ieri il Dubai Air Show 2017, uno degli appuntamenti fieristici dedicato all’aviazione civile più importanti al mondo dove si sono dati battaglia i più grandi costruttori di aeromobili al mondo (vedi qui la prossima edizione che si terrà dal 19 al 21 novembre 2019). Tra cui naturalmente primeggia Boeing che, soprattutto all’inizio, ha piazzato diversi ordini tra cui quelli di cui abbiamo dato notizia noi dei 40 B787-1000 Dreamliner ordinati da Emirates (leggi qui) o i ben 225 B737 MAX ordinati negli ultimi giorni di fiera da FlyDubai. Ma che ha visto un vero e proprio ordine record per il consorzio europeo Airbus, che ha visto in un colpo solo la richiesta di ben 430 A320neo e A321neo da parte della società di private equity statunitense Indigo Partners, che ha partecipazioni e interessi nell’americana Frontier Airlines, nella cilena JetSmart, nella messicana Volaris e nell’ungherese Wizz Air, oltre che nel prossimo lancio della Ultra Low cost canadese Enerjet, a cui si aggiungono ben i 90 A320neo ordinati dalla  compagnia di leasing aereo CDB Aviation Lease Finance.  Nel dettaglio, il vettore ungherese  prenderà 72 A320neo e 74 A321neo, Frontier riceverà 100 A320neo e 34 A321neo, la cilena JetSmart riceverà 56 A320neo e 14 A321neo e la messicana Volaris 46 A320neo e 34 A321neo.

Airbus al Dubai Air Show appena chiuso ha inoltre firmato un memorandum d’ intesa per un ordine di 25 A320neo con la compagnia aerea Kuwaiti Wataniya Airways e si attende sempre un ordine di almeno una trentina di velivoli sempre da Emirates, ma il vettore vuole la sicurezza che questo aero continui ad esser prodotto,  per il suo colosso A380.

Commande historique de 430 avions pour Airbus

Dubai Air Show, un successo di ordini ma anche di pubblico

Gli organizzatori della kermesse emiratina nata nel 1986 rendono noto che anche i visitatori sono cresciuti di circa il 20% rispetto al 2015, con 79.380 unità che hanno frequentata l’area situata a circa 40 chilometri da Dubai nei cinque giorni di esposizione. Il bollettino di chiusura indica poi  quasi 113,8 miliardi di dollari di ordini “cifre parlano da sole. È stato un altro anno di successo. Dubai è geograficamente al centro del mondo dell’aviazione globale e il Dubai Airshow è il luogo in cui il settore si riunisce per concludere degli affari. Abbiamo visto incredibile offerte, innovazioni e idee ineguagliabili” ha commentato Michele Van Akelijen, managing director della società organizzatrice.

il low cost intercontinentale
Precedente

Il Direttore di Mission racconta il low cost intercontinentale

ritorno a Nairobi
Successivo

Alitalia, in attesa di Lufthansa, ritorno a Nairobi e (mini)rilancio Malpensa