Food & ServicesMissiOnewsTrasporti

FOTO NOTIZIA: Il servizio Chaffeur dei vettori che volano in Francia

Qui sotto un’interessante Infografica (in francese) di Flight Report, sito di studi e recensioni francese specializzato in aviazione, che ha preso in considerazione quelle compagnie che per le sue classi premium offrono un servizio Chaffeur . Non c’è Alitalia che, però, può essere assimilata al servizio di Etihad, presente in infografica.  Un servizio questo riservato ai passeggeri di Business e First , comunque vincolato a determinati criteri di idoneità, che variano notevolmente da una società ad un’altra, alla classe di prenotazione, alla destinazione, etc.

Ecco, riassunta, la situazione in Francia. Presto faremo noi un’analisi del mercato italiano.

Emirates è probabilmente il vettore più generoso in quanto offre questo servizio a tutti i suoi clienti tra cui anche quelli che viaggiano con i biglietti premio, e per più di 70 destinazioni. Il suo vicino di casa, Etihad Airways, offre invece questo servizio in un terzo delle sue destinazioni, ma non la propone  a coloro che prenotano una tariffa promozionale (classe W). Oman Air offre questo servizio a tutti i passeggeri, indipendentemente dalla tariffa pagata, ma i biglietti premio esclusi. La compagnia cinese Hainan Airlines offre questo servizio in 17 città, ma è riservato esclusivamente ai suoi passeggeri di business che pagano tariffe non promozionali. OpenSkies invece, sussidiaria di British Airways, ha iniziato una collaborazione con Uber a Parigi. Tutte le classi di prenotazione sono ammissibili tranne per i biglietti premio. Infine Turkish Airlines ha  lanciato un servizio di limousine denominato “Exclusive Drive”, ma è disponibile solo in 12 destinazioni nella sua rete. Ed è anche la più restrittiva perché le classi più costose (C & D) sono ammissibili.

Flight Report chiude questo studio riportando i risultati di una survey, dalla quale si desume che i viaggiatori che non possono usufruire di questo servizio si recano in aeroporto principalmente  con il proprio veicolo, il 40%, o con i mezzi pubblici, il 31%. Sono il 15% quelli che vi si recano con un servizio con autista, e il 14% con il taxi. Proprio un servizio  Ncc (in francese VTC) viene proposto negli States da Uber in collaborazione con American Express per i viaggiatori d’affari e viene presentato alla fine di questa infografica.

infographie-13-etude-sur-les-services-chauffeur-des-compagnies

 

 

Precedente

International SOS: la sicurezza problema della sharing economy nel bt

Successivo

Una nuova Olta solca le onde del web: FlyUvet