MissiOnewsPolitica & EconomiaTrasporti

Ecco perché i vettori amano i clienti corporate!

Ecco perché i vettori amano i clienti corporate. L’ulteriore compressione dei margini di profitto delle compagnie aeree, dovuta all’aumento dei costi del petrolio e della produzione, come si legge nei risultati finanziari definitivi del terzo trimestre 2018/2019 rilasciati da IATA,  sono dovuti anche ad un calo dei rendimenti dei passeggeri di classe economy, mentre i rendimenti nelle cabine premium, meno sensibili al prezzo, hanno recentemente registrato un trend verso l’alto (vedi qui le nostre prove delle Classi business dei vettori).

Ecco perché i vettori amano i clienti corporate! Le classi premium sono meno sensibili ai prezzi e assicurano rendimenti migliori, e più stabili, alle compagnie

L’aumento dei costi di produzione e della concorrenza nel settore aviation ha fatto sì che i mercati azionari abbiano penalizzato le azioni delle compagnie aeree, scese di quasi il 10% a dicembre, compensando la crescita di novembre. Il tutto malgrado il prezzo del greggio Brent Crude si aggira attualmente circa il 30% in meno rispetto ai valori registrati durante il picco dei prezzi all’inizio di ottobre, con i prezzi dei carburanti per jet che tendono a sfiorare i 78 dollari americani per barile.

L’andamento del prezzo del petrolio e del Jet fuel

Perciò i vettori si stanno sempre più focalizzando sui servizi delle clasi premium, quelli preferiti dai clienti corporate, visto che hanno registrato un rendimento del più 6,2% anno su anno in novembre, con le il rendimento dell’economy class in discesa.

Oltre ai rendimenti per posto in calo, si riducono anche i volumi dei passeggeri che hanno arrestato la loro crescita ormai da molte stagioni, malgrado una continua immissione sul mercato di nuova offerta, andando così a penalizzare i load factor. Sia per i passeggeri che per le merci.

I volumi dei passeggeri e del cargo negli ultimi anni

Vedi qui lo IATA Financial Monitor del terzo trimestre 2018/2019.

Sciopero generale dei trasporti
Precedente

Sciopero generale dei trasporti in Italia. In arrivo il 5 anche in Francia

Top Ten dei vettori
Successivo

La Top Ten dei vettori cresciuti di più al mondo nel 2018