MissiOnewsTech & WebTrasporti

NDC, uno studio afferma che le prenotazioni dirette costano di più…

Mentre la “battaglia” tra la distribuzione e le major sull’NDC (New Distribution Capability) è appena iniziata, uno studio ETTSA realizzato da Infrata Airlines Distribution (clicca qui per scaricarlo) afferma come le prenotazioni dirette costano di più di quelle effettuate sui GDS.

Nello studio Infrata Airlines Distribution e il perché le prenotazioni dirette costano di più

Nello studio Infrata Airlines Distribution si evidenzia come il costo dell’acquisto di un passeggero non può limitarsi alla semplice visualizzazione delle tariffe su uno schermo. E alla fine gli analisti di Infrata stimano che il costo complessivo della distribuzione diretta attraverso le compagnie aeree sia superiore a 14 euro per cliente. Si tratta di tre euro in più rispetto, ad esempio,  al supplemento GDS imposto da Air France-KLM (leggi qui invece i perché della fee di Air France-KLM)

L’unico inconveniente dello studio è che i costi analizzati tengono conto di spese che non possono essere direttamente integrate nei costi sostenuti per la distribuzione dei biglietti aerei. Tanto più che i risultati variano notevolmente da una compagnia aerea all’altra e alcune stime si basano su fattori non confermati dai vettori.

Lo studio, inoltre, non punta certamente a limitare il valore della distribuzione diretta, sottolineando che questa modalità di vendita  permette  l’accesso a una offerta modulare in grado di essere più attraente di quella proposta oggi. E quindi conclude che solo la distribuzione diretta consente alle imprese di essere più competitive sui loro mercati e di controllare i loro prodotti. Anche se, in ultima analisi, non è il prezzo di distribuzione il problema.

Come ci ricorda lo studio, le vendite online sono continuate a crescere in tutto il mondo negli ultimi tre anni al punto che hanno superato i 523 miliardi di dollari nel 2016. È anche noto che le vendite dirette delle compagnie aeree stanno crescendo più rapidamente nei mercati emergenti e rallentando la crescita nei mercati maturi degli Stati Uniti e in Europa. Dove i vettori stanno perdendo visibilità online a causa dell’ elevata pressione di marketing da parte degli Olta e dei comparatori. Perciò l’NDC diventa per loro soprattutto un modo di controllare meglio la distribuzione e applicare una giusta politica dei prezzi. Che, però, si va a scontrare con le fee delle adv perché, certamente, non tutti i biglietti aerei verranno venduti direttamente al cliente finale online.

 

BizTravel Forum 2017
Precedente

Al Biztravel Forum 2017 Alitalia annuncia conti positivi

Novità Star Alliance
Successivo

Novità Star Alliance, Markus Ruediger: "puntiamo sul digitale"