Auto

A Milano il nuovo DsStore. Lo stadio del Milan è più lontano?

I brand premium delle case generaliste piace sempre di più. Magari rispolverando “vecchi” marchi pieni di fascino e tradizione. Così dopo il lancio del brand Vignale per Ford (vedi: Vignale di Ford, lusso per middle management) ecco Ds per Citroën, marchio rinato nel 2010 e dal salone di Ginevra di quest’anno brand a sé della galassia Psa: “ed ora ecco il primo Ds Store italiano (nella storica sede Citroen di via Gattamelata, ndr) il settimo in Europa, dopo città come Parigi, Ginevra e Stoccolma, e dopo i molti in apertura Cina – afferma il Global Sales and Marketing DS Automobiles Arnaud Ribault, presente all’evento d’inaugurazione –. Era inevitabile poi aprire qui, perché Milano è la città della moda, dell’avanguardia, come ci definiamo noi stessi con questo brand”. Che quest’anno, malgrado formalmente sia rinato lo scorso anno,compie ben 60 anni, essendo  lo storico marchio nato nel 1955, e anche nello Store milanese si vuole ricordare questo pezzo di storia dell’automobile francese, e mondiale, con l’esposizione di ben due “Squali”, tra cui una magnifica DS19Cabriolet del 1960, esposta accanto alla nuovissima Ds5 hybrid4 in edizione limitata “1955”, di colore Blu Zaffiro, svelata durante l’inaugurazione dello spazio con uno spettacolo di Simone Al Ani, vincitore 2015 del programma Italia’s Got Talent, e ad altre due limited edition, una DS 4 BlueHDi 120 e una DS 3 110 PureTech S&S, e ad altre auto della casa francese.

“Sono veramente orgoglioso di inaugurare il primo Ds Store italiano, un mercato questo che già 35 mila clienti per questo brand dei 550 mila globali – spiega Andrea Valente, DS Brand Development Director -: e presto ne annunceremo altri”. Prossimo appuntamento Roma, anche se in tutto il mondo saranno 150 i DsStore presenti.

Un’apertura questa che sottolinea come lo storico spazio espositivo della Citroen di via Gattamelata a Milano non voglia facilmente lasciare a favore di altre realtà, quali, ad esempio, il nuovo stadio cittadino del Milan, fortemente voluto dall’ad Barbara Berlusconi e in “finale” insieme al progetto Vitali per la riqualificazione dell’area. Se ne saprà di più la prossima riunione del Comitato esecutivo di Fondazione, prevista per il 25 giugno prossimo. Intanto nell’elegantissimo store Ds, dai colori nero, argento e rosso, si inizia a proporre il futuro ai clienti milanesi e lombardi. Che non ha la forma di un pallone da calcio, bensì delle linee sinuose e arrotondate dello stile, d’avant gard naturalmente, delle nuove Ds.

Precedente

Wiggins, record dell'ora in sella a una Pinarello-Jaguar

Successivo

TotalErg: paghi con Satispay e ritiri gli acquisti con InPost