DuralexServizi

Schede carburante in pensione dal 1° luglio 2018

Dal 1° luglio, in base a quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2018 (L. 205/2017), diremo addio alle  schede carburante. Come è noto, fino ad oggi queste schede sono servite ai titolari di partita IVA per documentare le spese effettuate presso i distributori di benzina, diesel, Gpl e altri combustibili. In più, dalla stessa data tutte le cessioni di carburante dovranno essere accompagnate da una fattura elettronica. Oltre ai grossisti che riforniscano un’azienda dotata di una cisterna di carburante interna e ai consorzi di acquisto che si riforniscono per i propri aderenti (ad esempio gli autotrasportatori), quest’obbligo sarà esteso anche alle stazioni di servizio su strada.

SCHEDE CARBURANTE ADDIO, ARRIVANO I PAGAMENTI ELETTRONICI

Il nuovo regolamento avrà un impatto anche sui titolari di partita IVA. Infatti dal 1° luglio per poter dedurre il costo del combustibile e detrarre l’IVA, le aziende e i liberi professionisti avranno l’obbligo di pagare il combustibile con strumenti di pagamento elettronico che consentano anche l’addebito in conto corrente (articolo 5 D.Lgs. 82/2005). Si potranno quindi utilizzare le carte di credito, di debito e prepagate.

In alternativa potranno essere usati gli assegni, bancari e postali, circolari e non. Saranno ammessi anche i vaglia cambiari e postali. Inoltre, le spese effettuate dovranno essere sempre documentate con fattura elettronica.

UN’OPPORTUNITA’ PER LE FUEL CARD

Il nuovo regolamento sull’abolizione della schede carburante rappresenta una grande opportunità di crescita per il business delle fuel card, che oggi sono proposte alle aziende da quasi tutte le case petrolifere. A questo proposito leggi qui la nostra panoramica sulle carte carburante disponibili sul mercato italiano.
Il nuovo provvedimento ha lo scopo di contrastare le frodi fiscali. Quindi la mancata tracciabilità dei pagamenti comporterà per aziende e liberi professionisti l’indeducibilità del costo e l’indetraibilità dell’imposta.

A proposito di stazioni di servizio, scopri le nuove pompe bianche, che consentono di risparmiare sui costi del carburante.

Diess al posto di Mueller
Precedente

Svolta in casa Volkswagen, Diess al posto di Mueller

Low Emission Vehicles
Successivo

PSA crea la nuova divisione Low Emission Vehicles