Sguardo sul futuro

Apple e Google, inversione nelle strategie driveless

Apple e Google, inversione nelle strategie driveless. Il progetto Titan della Mela Morsicata sembra aver subito un forte ridimensionamento con il licenziamento, o la ri-allocazione di 200 dipendenti, secondo quanto dice cnbc.com, riportando la dichiarazione di una persona vicina al team del progetto: “Abbiamo un team incredibilmente talentuoso che lavora sui sistemi autonomi. E mentre il team si concentra su diverse aree chiave per il 2019, alcuni gruppi vengono trasferiti in altri progetti”. Progetto Titan che però dovrebbe proseguire anche perché lo scorso agosto era stato assunto l’ex ingegnere Tesla Doug Field. Un cambio di strategia che si può desumere anche dalle parole del Ceo dell’azienda Tim Cook: “se facessi un salto nel futuro, ti guardassi indietro e ti domandassi su cosa Apple ha dato il suo più grande contributo al genere umano, risponderesti che è la salute”. Che, comunque, potrebbe condividere con le tecnologie driveless alcuni aspetti come l’intelligenza artificiale e il machine learning. Cambio di strategia che potrebbe essere simile a quella di Waymo, la divisione di Google, che si occupa di progettazione e sviluppo di sistemi di guida autonoma, che ha abbandonato l’idea di una Google Car per lanciare un software per la guida driveless da applicare ai modelli di auto già esistenti.

Apple e Google, inversione nelle strategie driveless. Waymo punta a trasformare qualsiasi veicolo in produzione in uno a guida autonoma

Apple e Google, dopo aver fatto sognare i driver di tutto il mondo (e fatto sorgere incubi in alcuni manager di case costruttrici…) con le loro auto futuristiche, dopo anche le difficoltà di Tesla, pare superate, hanno cambiato la loro strategia, focalizzandosi sul suo core, ovvero il software, come annunciato dal colosso di Mountain View. L’ambizione della società fondata da Brin & Page è infatti quella di vendere circa 20mila veicoli autonomi col proprio logo entro i prossimi tre anni, con un investimento di 14 milioni di dollari un impianto produttivo nel sud-est del Michigan dove assumerà 100 persone, e altri 300 a pieno ritmo. Progetto a cui la Michigan Economic Development Corporation, darà 8 milioni di dollari, più 20mila dollari per ogni assunto ma solo quando l’occupazione raggiungerà quota 400 addetti.

Le prime auto ad esser dotate di un software di guida autonoma di livello 4, dovrebbero esser quelle su cui sui sta testando il software, ovvero la Chrysler Pacifica (leggi qui) e la Jaguar I-Pace, che ha anche montato a bordo un sistema per sincronizzarsi con i semafori (leggi qui).

quota 200 mila
Precedente

Arval Italia raggiunge quota 200 mila veicoli in flotta

Infrastrutture e mobilità elettrica
Successivo

Infrastrutture e mobilità elettrica, a che punto siamo?

Il sito missionline.it si arricchisce di un nuovo canale MICE dedicato agli Event Manager aziendali.

Su MissionMice potrai trovare:

Notizie di mercato e approfondimenti sulla meeting industry

Focus su location e destinazioni

Aggiornamenti sulle nuove tecnologie a sostegno degli eventi e molto altro

Scopri il canale MissionMice cliccando qua Iscriviti alla newsletter dedicata
SHARE

Apple e Google, inversione nelle strategie driveless