Auto

Arriva il crossover compatto Volkswagen T-Roc

Il gruppo Volkswagen sceglie i laghi italiani per presentare i suoi nuovi modelli compatti di Suv. In attesa della piccola di casa Seat, l’Arona (sarebbe strano che non venisse presentata nella cittadina sul Lago Maggiore…), Volkswagen ha scelto Cernobbio, sul Lago di Como, per presentare il suo nuovo crossover compatto Volkswagen T-Roc, che si va a posizionare proprio sotto la Tiguan e che proprio con l’Arona, e con la nuova Polo, condivide la piattaforma costruttiva modulare Mqb.

Il crossover compatto Volkswagen T-Roc arriva da Setubal, Portogallo (come Mourinho!)

Il nuovo crossover compatto Volkswagen T-Roc, proposto anche in versione integrale, misura 4,23 metri, propone la stessa tecnologia della sorella maggiore Tiguan, con l’infotainment gestito da uno schermo da 8”, compatibile con smartphone Apple CarPlay e Android Auto, viene prodotta nello stabilimento di Setubal in Portogallo. Sul mercato in Europa, dopo la premiere al Salone di Francoforte,  arriverà a novembre a un costo che dovrebbe aggirarsi sui 20/25 mila euro, con una offerta motoristica che va dal 3 cilindri turbo benzina da 1 litro di cilindrata e 115 CV di potenza al 1.5 TSI da 150 CV che, quando possibile, può marciare con 2 dei suoi 4 cilindri per limitare i consumi. Sul fronte turbodiesel ci sono i 4 cilindri 1.6 TDI da 115 CV e il 2.0 TDI da 150 o 190 CV. Le motorizzazioni da 150 CV possono essere abbinate alle 4 ruote motrici e al cambio automatico doppia frizione a 7 rapporti, di serie sul propulsore più potente a listino.

Tanti gli ammennicoli tecnologici per l’assistenza alla guida, tra cui il dispositivo per il riconoscimento della stanchezza del guidatore, il sistema di controllo perimetrale Front Assist con riconoscimento dei pedoni, la frenata automatica di emergenza e il mantenimento della corsia, il cruise control adattivo, col riconoscimento della segnaletica stradale, assistenza all’uscita dal parcheggio (Rear Traffic Alert), telecamere per l’angolo cieco e col sistema di assistenza nella guida in colonna, ma anche molta attenzione al design, con ala possibilità di ampia personalizzazione dell’auto, a partire dalla carrozzeria bicolore.

 

 

 

Maserati Ghibli GranLusso
Precedente

Maserati Ghibli GranLusso, debutto cinese

Navi 4.0 IntelliLink
Successivo

Le piccole Opel sempre più connesse con il Navi 4.0 IntelliLink