Auto

Dalla Capitale dell’Automobile cars un mercato auto in ripresa

Auto aziendali, auto di privati e auto di società di noleggio. I primi 9 mesi del 2015 hanno registrato dei confortanti segni di ripresa in un mercato auto che negli ultimi 8 anni è regredito fortemente, trascinando in basso costruttori e rivenditori, che spesso non hanno potuto far altro che chiudere.

I dati del settore sono stati resi noti in occasione di La Capitale dell’Automobile cars, 10° summit degli operatori della distribuzione automobilistica organizzato a Roma dal Centro Studi Fleet and Mobility che ha elaborato dati Unrae e del ministero dei Trasporti. Dati che indicano che nel periodo gennaio-settembre 2015 le nuove immatricolazioni di vetture da parte di privati sono state 753mila contro le 641mila dello stesso periodo del 2014, quelle da parte di società di autonoleggio hanno toccato quota 256mila (l’anno scorso furono 216mila) mentre quelle immatricolate dalle aziende sono state 193mila control e 185mila del 2014.

Per quanto riguarda il valore complessivo delle auto aziendali, l’intero 2014 è stato superiore al 2013, sullo stesso livello del 2012 e comunque inferiore al 2009, al 2010 e al 2011, segno che il settore non è ancora completamente guarito. Ma quanto incide sul totale il segmento delle auto aziendali sul totale circolante? Nei primi 9 mesi del 2015, il 16% contro il 17,9% dello scorso anno e il 18,3% del 2013, dove emerge che quest’anno a crescere è stata soprattutto la percentuale delle flotte auto a noleggio.

Impietoso il paragone con alcuni paesi europei: se in Italia la percentuale di auto intestate a società (aziende+noleggio) tocca il 37,4%, in Spagna sale al 42,5%, in Francia al 46%, nel Regno Unito al 52,4% e in Germania addirittura al 63,8%.

Intanto le immatricolazioni complessive di auto nuove sono in crescita: il 2015 chiuderà con circa 1,535 milioni di unità, con un aumento del 13% rispetto al 2014 quando si chiuse a 1,360. Lontani però dai 2,494 del tetto storico del 2007 e allo stesso livello dell’ormai lontano 1980.

Precedente

FOTONOTIZIA: Peugeot dona un sorriso anche in Cadorna

Successivo

Le flotte sempre più in stile "british" grazie a Jaguar