AutoSguardo sul futuro

Fari per auto: facciamo luce!

Sergio Zattoni - Automotive Lighting

Sergio Zattoni – Automotive Lighting

Negli ultimi anni, grazie all’evoluzione della tecnologia, gli impianti di illuminazione montati sulle vetture si sono fatti più sofisticati.

«Per lungo tempo l’evoluzione dei dispositivi è stata legata principalmente all’evoluzione delle sorgenti luminose e solo a partire dal 2003 si è vista l’introduzione di tecnologie legate alle funzionalità in grado di  migliorare la visibilità », ha spiegato a Mission Fleet Sergio Zattoni (nella foto), Responsabile Dipartimento di Ottica di Automotive Lighting, uno dei leader globali nella produzione di proiettori, fanali, elettronica e altri componenti per l’illuminazione.

Attualmente Xenon e Led sono molto diffusi. Ma perché si va sempre alla ricerca di nuove sorgenti luminose? Una lampada Xenon garantisce già una straordinaria potenza e flessibilità di applicazione. Perché quindi introdurre il Led o il Laser?

Secondo Zattoni, a guidare lo sviluppo di nuove tipologie di fari è il desiderio di aggiungere sempre nuove funzionalità, unito alla volontà di massima integrazione con l’architettura del veicolo.

I vantaggi delle nuove tipologie di fari a parere di Piergiuseppe Sanguanini, Responsabile Ufficio Acquisti di Ovam, sono raggruppabili in tre categorie: sicurezza, migliore profondità di luce, temperatura più alta della luce.

Guardando al futuro, per Zattoni lo scenario al 2025 sarà caratterizzato come segue:

  • Lampade Alogene in riduzione ma presenti (segmenti A, B, C)
  • Lampade Xenon in forte riduzione
  • Led in aumento (in tutti i segmenti)
  • sistemi ibridi Led + Laser in piccola percentuale

Tuttavia, azzardare delle previsioni non è facile, anche perché resta ancora da capire quali saranno le necessità delle auto a guida autonoma dal punto di vista dell’illuminazione.

Dovranno avere ancora delle funzioni di potenza o serviranno solamente da indicazione della sagoma della vettura? Saranno utilizzati per lo scambio dati V2V (veicolo2veicolo) o V2X (veicolo2infrastrutture)?

Staremo a vedere!

 

 

Precedente

Novità a tutto tech per Leasys all’Automotive Dealer Day

Successivo

Renzi e il taglio del bollo, realtà o mossa elettorale?