AutoGreenSguardo sul futuro

Ecco l’ammiraglia Lexus ES300h. In Italia in versione ibrida

Mostrata in anteprima insieme alla Lexus UX, durante la recente edizione di MFA-MissionFleet Awards, il primo e unico premio del settore delle flotte auto aziendali organizzato da Newsteca, giunto alla terza edizione (vedi qui tutti i premiati), è stata presentata per l’Europa in una assolata Malaga la Lexus ES300h, il modello del brand premium del gruppo Toyota più venduto al mondo, giunto ormai alla settima generazione, essendo stata lanciata nel 1989. La prima, però, per il mercato italiano, e per i mercati dell’Europa Occidentale e Centrale, sulla scia della nuova LS e della coupé LC.

Ecco l’ammiraglia Lexus ES300h. In Italia solo in versione ibrida. Ottima per le flotte (di livello)

Basata sulla piattaforma New Global Architecture – K (GA-K) la Lexus ES300h viene proposta in Europa nei modelli a benzina ES 200, ES 250 ed ES 350, oltre alla Self-Charging Hybrid ES 300h, l’unica introdotta in Italia. Un’auto questa che spingerà le vendite Lexus in tutto il Continente, puntando alle 100 mila unità vendute nel 2020, dalle 75mila dello scorso anno, anno da record in crescita per il quinto anno consecutivo. Vendite che in Italia dovrebbero arrivare alle 7.400 unità quest’anno. Grazie anche alle flotte: “Un numero sempre maggiore di aziende si rivolge a Toyota per il loro parco auto, perché negli ultimi anni c’è stata un’evidente sensibilizzazione sull’aspetto ambientale e in più di un caso, bisogna rispettare un limite di emissioni stabilito dalla policy del gruppo. Quindi la nostra gamma full-hybrid si presta benissimo allo scopo, considerando che da analisi approfondite per il 50% del tempo queste vetture viaggiano in modalità elettrica. Dal 2020, Toyota offrirà anche una versione plug-in per ogni modello nuovo: plus che attualmente hanno solo i brand premium per evidenti ragioni” spiega Massimiliano Loconzolo, Fleet & Used Senior Manager di Toyota-Lexus.

Tra cui naturalmente per i livelli di car policy più alti anche la ES 300h, un’ammiraglia lunga 498 centimetri, ma linee filanti e un interno votato al massimo comfort. Anche per i passeggeri posteriori c’è infatti molto spazio in larghezza e per le gambe mentre i sedili ben imbottiti (come il divano), garantiscono una comoda seduta e dispongono di estese regolazione elettriche.  Tramite la superficie tattile nel tunnel si gestiscono facilmente le varie funzionalità dei servizi di bordo, a cominciare dal navigatore, visualizzate nello schermo al centro della plancia mentre il cruscotto parzialmente digitale è di agevole lettura.

La Lexus ES 300h viene proposta con quattro allestimenti:  Business (50.800 euro), con fari full led, navigatore, tetto apribile e sedili a regolazione elettrica rivestiti in pelle, Executive (56.000 euro), che aggiunge il sistema di monitoraggio dell’angolo cieco nei retrovisori e quello del traffico dietro l’auto in fase di retromarcia, F-Sport (58.200 euro) che propone le sospensioni a controllo elettronico e aggiunge una modalità di guida più sportiva, e Luxury (64.000 euro)con in più il“clima” trizona e lo schermo di 12,3” (anziché di 8”) per il navigatore.

VEDI LA NOSTRA PROVA DELLA LEXUS RX-L HYBRID SETTE POSTI CLICCANDO QUI

Alain Van Groenendael
Precedente

Alain Van Groenendael è il nuovo presidente di Arval

immatricolazioni auto stabili
Successivo

Acea, immatricolazioni auto stabili in Europa nel 2018