Sguardo sul futuro

Il Maserati dei Suv più piccolo si chiamerà Karif?

Dopo lo sbarco nel mondo dei Suv con il Levante circa tre anni fa (VEDI QUI IL NOSTRO TEST), modello che ha appena subito un interessante facelift per il MY19 (VEDI QUI IL NOSTRO TEST), Maserati pensa a un crossover più piccolo, dal nome Karif, uscito recentemente dalla mano dell’artista Vito Possidente.  Come definito anche dal nuovo piano industriale annunciato dal nuovo Ceo Mike Manley (vedilo qui), dopo aver portato la concorrenza Made in Italy sui Suv top alle tedesche con il Levante, e con l’Alfa Romeo Stelvio, che ha vinto anche recentemente il premio di MFA – MissionFleet Awards come miglior auto per Top manager (leggi qui), la Casa del Tridente si appresta ad aggredire anche il segmento più piccolo, come ha fatto Porsche con la Macan.

Il Maserati dei Suv più piccolo sarà il Karif? I rendering dell’artista Vito Possidente

Il Karif, come viene chiamato il D-suv della Casa del Tridente ha un design esterno molto dinamico. Nella parte anteriore porta la calandra della marca dell’auto, affiancata da una coppia di fendinebbia, che si trovano sotto i fari sottili, con un design dallo stile aggressivo, con cofano, parafanghi larghi, un posteriore sinuoso, il tetto inclinato e grandi ruote. Un modello che affiancherebbe nel segmento lo Stelvio, rendendo però il brand della Casa di Modena più “accessibile”, senza però, almeno nelle intenzioni del management, svilire il Marchio. Che è cresciuto negli anni grazie allo svecchiamento dei modelli raggiungendo le oltre 50 mila unità vendute lo scorso anno, ma che quest’anno ha rallentato, soprattutto a causa della flessione del mercato cinese. mentre regge, e piuttosto bene, il mercato delle flotte. In attesa di nuovi modelli, tra cui il bellissimo Alfieri (leggi qui), che potrebbe essere la prima Maserati elettrificata, voluta dal compianto Marchionne, e, come scritto qui, il Karif appunto.

vendite auto in discesa
Precedente

Vendite auto in discesa anche a novembre

Stop al Geoblocking
Successivo

Stop al Geoblocking. Balzo verso un mercato unico digitale