AutoSguardo sul futuroSocietà Nlt

Mercedes, il futuro è diesel, elettrico e di flotte

Eugenio Blasetti, Press Relation Manager, e Christian Catini, responsabile flotte di  Mercedes-Benz Italia, hanno sottolineato ieri sera in un incontro a Monza la visione del futuro della Casa della Stella, che, come ci aveva anche detto a noi di MissionFleet al recente Salone di Ginevra  il loro collega Vadim Odinzoff (leggi qui), sarà diesel, elettrico e di flotte. Diesel ma tecnologicamente avanzato con l”Euro 6d temp, elettrificato, e…di flotte, come precisa Catini: “le nostre vendite su Pmi e Noleggio a lungo termine nel primo quadrimestre in Italia ammontano a 8500 autovetture (rispettivamente 3500 e 5000, ndr) , il che significa, senza contare le Rac e la Classe V utilizzata molto dagli Ncc, il 40% delle nostre vendite, pure cresciute anno su anno dell’1,1%, a oltre 22 mila unità. Facendo così meglio del mercato. Con un market share sulle Piccole e medie imprese del 15%, contro il 5% del mercato e l’8 di altre premium tedesche nostre concorrenti”.


Mercedes, il futuro è diesel, elettrico e di flotte; curate con la qualità del prodotto, i valore residui e le versione Extra

Per sostenere questa crescita Mercedes-Benz Italia propone una serie di campagne denominate pmi#1 che, nei primi mesi dell’anno, hanno avuto un focus sui Suv della Casa, mentre ora parlano di Classe E, oltre a dotare la propria gamma di una versione business ancora più completa, la Extra, dotata di tutti gli optional, soprattutto riguardo alla sicurezza, “che ci richiedono sempre i Fleet manager” dice Catini, che prosegue: “sono versioni che al netto dei normali sconti (circa il 10%, ndr) aggiungono un 15% di vantaggio-cliente e che sono presenti su ben otto modelli della nostra gamma, anche sulla recentissima Classe A“. Nuova Classe A (vedila qui) che conta per il 37% delle vendite della Casa in Italia, con la Classe C, l’altra auto molto di flotta, al 13%, percentuali che per il segmento corporate crescono appunto al 42 e al 68% rispettivamente. Con la nuova C che proporrà “un nuovo sistema di infotainment e nuovi motori, di 1.9 di cilindrata, permettendoci così di entrare in tante car list” spiega Catini, che a noi di MissionFleet dice anche “ci chiedono motorizzazioni alternative, ma ancora pochi acquistano ibridi ed elettriche. Noi attendiamo con impazienza l’arrivo dei diesel elettrificati. Motorizzazione che ho provato e raramente ho guidato un auto che mi ha entusiasmato così tanto. Speriamo che non vi siano ulteriori ritardi nelle omologazioni”.

Il tutto proposto dalle società di Nlt o da Mercedes Financial Services con la formula senza pensieri, simile al noleggio, con Rca e manutenzione inclusi e con Valori residui sostenuti da Mercedes per avere così canoni più bassi.

Mercedes, il futuro è diesel, elettrico e di flotte, ce lo ha detto Zetsche, ce lo ripete Blasetti

Il numero uno della Casa della Stella, Dieter Zetsche, ci ha già raccontato quale sarà il futuro di Mercedes (leggi qui), ma ieri sera Blasetti ce lo ha ribadito, entrando anche sul tecnico per quanto riguarda i nuovi motori diesel, e diesel elettrici, su cui tanto punta Stoccarda. “Dal 2025 come detto avremmo in gamma 10 auto pure elettriche, con la prima, la EQC, in arrivo nel 2019” racconta il manager, “50 saranno i modelli elettrificati per 10 miliardi di investimenti per auto che stimiamo rappresenteranno tra il 15 e il 25% delle vendite, sia queste Eq power plug in che Eq boost, ovvero le mild hybrid, che lanceremo anche sul diesel, con la Classe E che sarà la prima”.
Intanto però Blasetti annuncia un “Mercedes eu6d attack, che ci permetterà di essere in anticipo rispetto agli stingenti limiti del mercato per gli inquinanti, con 30 modelli Diesel e 100 benzina che rispetteranno i limiti”.

Grazie, come scritto, alla elettrificazione della flotta, “che avrà una nuova direzione in Mercedes che curerà anche l’infrastruttura per le aziende che ce lo chiedono aggiunge Catini, che spiega anche come a breve la Casa lancerà anche “il Mercedes Connect Me business, che sarà anche multibrand“. Insomma ancora un futuro da Stella per Mercedes…

dati delle auto
Precedente

Accesso diretto ai dati delle auto, quali rischi?

semplificazione della gamma
Successivo

Renault, tre segmenti per la semplificazione della gamma