AutoEventi

Mercedes, il futuro è elettrico. Ma non solo

Mercedes, il futuro è elettrico. Ma non solo. Nella nuovissima sede romana di Mercedes Italia (scoprila qui) i vertici della Casa della Stella e delle società ad essa collegate hanno voluto fare il punto sulle vendite nel nostro paese ma, soprattutto, hanno delineato il loro futuro nel settore, come aveva già spiegato Eugenio Blasetti in questo video (leggi l’articolo su Missionline e vedi il video in questione cliccando qui).

Un futuro, che è già oggi, che per la Casa di Stoccarda che, sulle note di The Boss di Diana Ross, ha introdotto Marcel Guerry, presidente di Mercedes-Benz Italia, che ha sottolineato il grande investimento della Casa su Roma (e la nuova sede è solo un risultato di questo sforzo), nonché nell’elettrico, con “Smart che sarà mossa solo da elettricità entro il 2020”, con la quale “creare Smart city” (leggi qui) e l’arrivo “del brand EQ”. Ma Guerry ha anche snocciolato gli importanti numeri della Casa sul nostro mercato, con i primi 11 mesi dell’anno a segnare 85mila autovetture vendute, Mille le sportive AMG, 9300 van e oltre 3500 camion, nonché ha sottolineato le “quattro strade della nostra strategia per il futuro: ovvero il focus sull’elettrico, il plug-in hybrid, e le nuove soluzioni di mobilità”. Di cui se ne è parlato a Roma.

Mercedes, il futuro è elettrico. Ma non solo, perché la Casa continua a investire su nuovi motori Diesel e Benzina

Naturalmente il primo grande focus della Casa della Stella è l’elettrico, “Solo nell’ampliamento della nostra gamma di veicoli EQ investiamo attualmente oltre dieci miliardi di euro” come aveva detto il Responsabile Daimler Group Research e Mercedes-Benz Cars Development Ola Källenius, precisando che “entro il 2022 lanceremo sul mercato complessivamente oltre dieci veicoli ad alimentazione esclusivamente elettrica. Inoltre elettrificheremo l’intera gamma Mercedes‑Benz per offrire ai nostri Clienti almeno un’alternativa elettrica in ogni serie Mercedes‑Benz, oltre 50 complessivamente”, ma, anche, “investiamo su motori a combustione high-tech ad alta efficienza, sulla coerente ibridizzazione e sulle trazioni elettriche a batteria o a cella a combustibile. La nostra offerta è molto ampia e vogliamo rispondere alle esigenze di mobilità dei nostri Clienti con una vasta gamma di veicoli”.

Mercedes, il futuro è elettrico tra cui anche per la Smart, come ha sottolineato anche il direttore vendite Smart Italia Lucio Tropea, precisando coma la piccola della Casa sia “la perfetta city car, come seconda auto e da condividere”. Come testimonia il successo di Car2Go, che utilizza proprio le Smart. In tutte le sue versioni: “abbiamo 2,9 milioni di utenti in 8 paesi al mondo, di cui 1,7 in Europa e 410 mila in Italia, dove siamo presenti in quattro città con oltre 2.100 veicoli circolanti” come ha detto il il Country manager South Europe Gianni Martino. Che è l’esponente di una delle nuove forme di mobilità sposate da Mercedes, insieme a MyTaxi, rappresentata alla serata della Stella da una trafelata Barbara Covili, General manager Italia della società.

Mercedes, il futuro è elettrico anche per il mondo delle merci; dall’eVito, con 150 km di autonomia, ai camino Fuso eCanter, anche in versione EcoHybrid, il primo light truck ibrido diesel. E proprio il binomio diesel-elettrico è la prossima sfida della Casa della Stella, come ha argomentato anche Cesare Salvini, Direttore Marketing Mercedes-Benz Italia, e con la recente presentazione al Colloquium di Aachen (evento dedicato alle nuove tecnologie nell’automotive, propulsori compresi ) l’evoluzione in salsa ibrida dell’OM 654, il duemila turbodiesel ad oggi il più gettonato sulla gamma medio alta della Casa (a dir la verità non un’invezione tedesca, ma il lancio della Peugeot 3008 Hybrid a gasolio non fu certamente un successo, vedi qui la prova dell’auto di Altroconsumo). Che dovrebbe portare ad affiancare ai 194 cavalli e alla coppia 400 Nm del motore a gasolio altri 106 cavalli e 300 Nm di coppia con una batteria da 13,5 kWh che dà l’energia al propulsore elettrico sincrono inserito all’altezza del cambio automatico G-Tronic a nove marce. Soluzioni ibride già operative sulle auto a benzina del marchio già sul mercato, con ben otto modelli: la C 350  (berlina, station-wagon e versione lunga per il mercato cinese), le GLE 500 e 4MATIC, le GLC 350 e 4MATIC, le GLC Coupé 350 e 4MATIC, la E 350 e la nuova S 560 (leggi qui il nostro report sull’ammiraglia della Stella).

Vedi qui il video Road to the future di Mercedes Benz

 

 

Toyota è la più green del pianeta nel settore automotive
Precedente

Toyota è la più green del pianeta nel settore automotive

Leasys apre in Belgio
Successivo

Leasys apre in Belgio e rafforza l'internazionalizzazione