DuralexServizi

Nasce SoldoDrive, la nuova carta carburante chiavi in mano

Nasce SoldoDrive, carta prepagata per scaricare il costo e detrarre l’Iva del carburante, in linea con la nuova normativa in vigore dal 1 luglio 2018 (scopri di più sulla normativa). Creata dalla fintech Soldo, SoldoDrive è un prodotto chiavi in mano. E’ facile da attivare: si fa online in pochi minuti, senza dover fornire garanzie o eccessiva documentazione. Inoltre è universale, perché garantisce la possibilità di essere utilizzata nelle stazioni di servizio di qualsiasi compagnia petrolifera, comprese le pompe bianche. In tal modo è possibile fare rifornimento ai prezzi più vantaggiosi. E ancora, è personalizzabile, perché consente di creare facilmente carte dedicate per ciascuna auto direttamente dalla web console.

SoldoDrive, sicurezza e convenienza

Al costo di 2 euro al mese, la carta garantisce ricariche a costo zero e una visibilità in tempo reale di ogni pagamento, via web o app. Inoltre, SoldoDrive è una soluzione sicura grazie ai pagamenti autorizzati con Pin, all’eventuale disabilitazione della carta in tempo reale in caso di furto o smarrimento e alla gestione dei massimali di spesa per ciascuna carta (mese, settimana, giorno o singola operazione).

Rendicontazione centralizzata

Alle imprese, SoldoDrive assicura una rendicontazione centralizzata delle spese inerenti il carburante di tutta la flotta aziendale. A fine mese ricevono infatti un a estratto conto analitico completo e in diversi formati, dove sono riportati tutti i rifornimenti effettuati. Così sarà più facile essere in regola con la nuova normativa fiscale.

SoldoDrive sarà utile anche a partire dal primo gennaio 2019, quando i benzinai, per ogni acquisto di carburante, dovranno emettere una fattura elettronica nei confronti dell’azienda o del professionista. La riconciliazione delle fatture elettroniche ricevute con i pagamenti effettuati in modo tracciabile avverrà infatti in modo automatico.

Chi è Soldo

Soldo è un’azienda fintech specializzata nella gestione e nel controllo delle spese di trasferta, del pagamento del carburante e degli acquisti online (e-commerce, pubblicità online, sottoscrizioni SaaS) delle imprese. Ha sede a Londra, uffici a Milano e Dublino e un centro di ricerca e sviluppo a Roma. L’azienda ha raccolto finanziamenti da alcuni tra i più importanti Venture Capital, tra i quali Accel. Negli ultimi sei mesi ha triplicato il numero di dipendenti.  Per informazioni clicca qui.

Plug-in Hybrid a benzina
Precedente

Peugeot completa la gamma motori con i Plug-in Hybrid a benzina

Euro NCAP 2018
Successivo

Euro NCAP 2018, 5 stelle per A6 e Touareg, 4 per Tourneo, 3 per Jimny