AutoGreenSguardo sul futuro

Da Tenerife arriva la Nissan Electric Ecosystem Experience

Dopo l’unveil dello scorso ottobre a Oslo, Nissan lancia a Tenerife la Nissan Electric Ecosystem Experience con la quale trasformare la mobilità del futuro e che conferma l’impegno verso la roadmap strategica Nissan Intelligent Mobility. Il primo passo il debutto europeo su strada della nuova Nissan Leaf, il veicolo 100% elettrico più venduto al mondo (vedilo qui), e del Nissan e-NV200, ora arricchito da una nuova batteria da 40 kWh che offre 100 km di autonomia in più, e diversi sviluppi in tema di infrastrutture ed energia.

La rivoluzione della mobilità elettrica con Nissan Electric Ecosystem Experience

La Casa giapponese ha iniziato la rivoluzione della mobilità elettrica dieci anni fa e ora, con la Nissan Electric Ecosystem Experience accelera:  “Nissan ha iniziato la rivoluzione della mobilità elettrica dieci anni fa. In questi anni abbiamo venduto più veicoli elettrici di tutti, ma è solo l’inizio. Attraverso i nostri veicoli e gli investimenti nel campo delle infrastrutture e dei servizi energetici, ci stiamo spingendo oltre l’auto per trasformare il modo in cui tutti noi viviamo. Questo è l’ecosistema elettrico e attraverso la nostra visione Nissan Intelligent Mobility rivoluzioneremo il settore automotive e i nostri stili di vita” ha detto Philippe Saillard, Senior Vice President, Sales & Marketing, Nissan Europe.

Per organizzare l’Electric Ecosystem Experience a Tenerife Nissan ha avviato una partnership con l’Instituto Tecnológico y de Energías Renovables (ITER), un’organizzazione con 25 anni di esperienza nel campo dell’ingegneria e delle telecomunicazioni, che ha realizzato nell’isola un sito alimentato a energia eolica e solare che ospita 24 case bioclimatiche, progettate nell’ambito del concorso internazionale di design promosso dal’isola di Tenerife e da ITER e supportato dall’Unione Internazionale degli Architetti.

La nuova Nissan Leaf 100% elettrica tassello importante della Nissan Electric Ecosystem Experience

Al centro del Nissan Electric Ecosystem Experience vi è la nuova Nissan Leaf, che propone un’autonomia fino a 378 km  nel ciclo Nedc ed è il primo veicolo Nissan a prevedere anche il Wltp, il nuovo ciclo di omologazione con il quale la Leaf ha registrato un’autonomia fino a 415 km nel ciclo urbano e fino a 270 km nel ciclo combinato (città e autostrada) con una ricarica. Tra le tecnologie all’avanguardia che presenta  l’avanzato sistema di assistenza alla guida ProPilot; la tecnologia e-Pedal che consente di partire, accelerare e frenare con un solo pedale e con una costante rigenerazione di energia; il ProPilot Park per parcheggiare al solo tocco di un pulsante. Ad oggi sono già oltre 12mila gli ordini registrati in Europa, auto che arriverà nelle concessionarie italiane a partire da questa primavera.

Batterie più capienti per il Nissan e-NV200 100% elettrico

Tra le novità presentate al Nissan Electric Ecosystem Experience anche il debutto europeo dell’e-NV200 potenziato con una batteria da 40 kWh per un’autonomia fino a 280 km nel ciclo Nedc, ossia il 60% in più rispetto al modello precedente, che, con il nuovo ciclo Wltp raggiunge una autonomia fino a 301 km nel ciclo urbano e fino a 200 km in quello combinato (città e autostrada). Ricordiamo che il Nissan e-NV200 piace anche al mondo aziendale, tanto che ha vinto la seconda edizione dei MissionFleet Awards per la categoria veicolo di servizio proprio con la motivazione che è “Un veicolo di servizio multipurpose, anche con propulsione elettrica, che nell’ultima versione è migliorato pure esteticamente. Grande versatilità: è utilizzabile sia per le consegne che per il trasporto passeggeri, come veicolo per transfer o di servizio”. Nissan e-NV200 100% elettrico è in vendita da gennaio in Italia con le prime consegne previste dalla prossima primavera.

Con la Nissan Electric Ecosystem Experience anche uno sviluppo delle infrastrutture

Durante l’evento, Nissan ha annunciato l’ampliamento della rete infrastrutturale pubblica del 20% nel corso dei prossimi 18 mesi, con standard di ricarica rapida CHAdeMO, e già da oggi la Casa costruttrice ha già contribuito a sviluppare la rete di stazioni più capillare d’Europa con oltre 4.700 punti di ricarica rapida installati, collaborando con istituzioni,  utilities e altri partner. Nissan partecipa inoltre a 11 progetti pan-europei per sviluppare ulteriormente la rete di infrastrutture di ricarica rapida. Infine Nissan ha testato in Danimarca un innovativo programma per assicurare ai clienti ricariche gratuite per i loro veicoli elettrici tramite l’integrazione alla rete elettrica attraverso la tecnologia di carica bidirezionale Nissan, con la quale i clienti possono ottenere energia dalla rete per alimentare la loro auto o il loro van o fare il contrario. Nel Regno Unito invece Nissan ha collaborato con il fornitore energetico OVO Energy per consentire ai clienti di acquistare un’unità di stoccaggio domestico xStorage a condizioni agevolate e restituire energia alla rete. Per gli utenti si può tradurre in reddito aggiuntivo pari a circa 647 euro l’anno. Unità xStorage Home che, installate in tutte le abitazioni di ITER, verranno riqualificate e inserite in un sistema di micro-rete pilota destinato a un paese africano in via di sviluppo. L’impianto funzionerà come stoccaggio di energia sostenibile per le comunità locali in cui non c’è accesso all’elettricità. In questo modo, gli abitanti avranno un maggiore accesso ai servizi di base, quali istruzione e sanità.

Inoltre, sempre in un’ottica di sostenibilità, Nissan presenta un prototipo di e-NV200 van equipaggiato con apposite batterie per diventare un’unità mobile di rifornimento di energia in situazioni di emergenza, come un black out, una fornitura discontinua o eventi non riconducibili alla rete elettrica. I due progetti sperimentali saranno avviati nel corso del 2018 e, in caso di esito positivo, ulteriormente sviluppati.

Gli 11 progetti pan-europei che coinvolgono Nissan

Progetto

QC

Colonnine ultraveloci
(fino a 150KWh CHAdeMO)

Luogo di installazione

1

FAST-E

[Belgio, Germania]

236

0

Belgio: 37

Germania: 199

2

GREAT

[Danimarca, Svezia]

70

0

Danimarca: 20

Svezia: 50

3

UNIT-E

[Regno Unito]

6

0

Regno Unito: 6

UNIT-E

[Belgio]

23

0

Belgio: 23

4

EVA+

[Italia, Austria]

200

0

Italia: 180

Austria: 20

5

FAST-E

[Repubblica Ceca, Slovacchia]

29

0

Repubblica Ceca: 15

Slovacchia: 14

6

EAST-E

[Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia]

57

0

Croazia: 27

Repubblica Ceca: 15

Slovacchia: 15

7

URBAN-E

[Slovenia, Croazia, Slovacchia]

23

0

Slovenia: 9

Croazia: 9

Slovacchia: 5

8

NEXT-E

[Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Slovenia, Croazia, Romania]

222

0

Repubblica Ceca: 32

Slovacchia: 18

Ungheria : 54
Slovenia: 27

Croazia: 51

Romania: 40

9

NCE Advanced EV Net [Polonia]

60

0

Polonia: 60

10

FLEX-E

[Francia, Spagna, Italia]

0

28

Italia: 16

Francia: 4

Spagna: 8

11

HIGHT SPEED ELECTRIC MOBILITY [Svezia, Danimarca, Regno Unito, Francia, Spagna, Italia]

NA

0

Italia: 20

Svezia: 40

Danimarca: 16

Germania: 150

Francia: 70

Regno Unito: 20

la guerra di Anna
Precedente

Parigi, la guerra di Anne al diesel

Pneumatici sotto controllo
Successivo

Pneumatici sotto controllo, mai senza le gomme auto invernali!