Apertura in primavera per il centro congressi One Monte-Carlo

Da questa primavera Montecarlo potrà contare su una nuova location per eventi: inaugura One Monte-Carlo (guarda qui il video di presentazione della struttura) sulla piazza del celebre Casinò, testimone di un secolo di metamorfosi urbanistica.

Il centro congressi del gruppo Monte-Carlo Société des Bains de Mer occupa il sito del precedente Palais des Beaux-Arts, tra l’Hotel de Paris Monte-Carlo e l’Hotel Hermitage Monte-Carlo (entrambi dell’antica società monegasca, fondata nel 1863), e si estende su una superficie di 1.445 metri quadrati comprendendo 10 tra sale meeting e spazi espositivi.

Nel dettaglio, One Monte-Carlo disporrà di una sala plenaria di 301 metri quadrati dall’architettura Art Deco, capace di ospitare sino a 300 partecipanti; una sala polivalente di 178 metri quadrati; un auditorium di 154 metri quadrati da 80 persone; 3 sale di sottocommissione di 96 metri quadrati ciascuna divisibili in 2 e un foyer di oltre 500 metri quadrati. Per facilitare l’esposizione di automobili, One Monte-Carlo è stata dotata di un montacarichi da 2 tonnellate.

Apertura in primavera per il centro congressi One Monte-Carlo che disporrà di una sala plenaria da 300 posti

Oltre agli ambienti interni di One Monte-Carlo, gli organizzatori di eventi e congressi potranno anche contare anche su spazi all’aperto. I prospicienti Jardins des Boulingrins, simbolo della Place du Casino e oggetto di un completo restyling, saranno infatti interamente privatizzabili e utilizzabili per cocktail di benvenuto e lunch.

One Monte-Carlo sarà una location a misura di green meeting: la sua costruzione ha infatti ottenuto il label europeo Bream, metodo di valutazione della conformità ambientale degli edifici sviluppato da Building Research Establishment-BRE. Il centro congressi, il cui tetto è coperto da pannelli fotovoltaici di ultima generazione, è stato realizzato seguendo linee guida per ridurre l’impatto ambientale degli eventi: materiali ecologici, riciclaggio dei rifiuti con raccolta differenziata in tutte le sale riunioni, gestione responsabile delle attrezzature (climatizzazione, luci), scelta di attività di team building e incentive ecofriendly, ristorazione stagionale e a Km zero. (leggi qui quali sono le destinazioni per eventi più sostenibili).

Ambasciatori
Precedente

Il Trentino premia i suoi ambasciatori per i congressi

eventi
Successivo

I nuovi trend nell’organizzazione di eventi