ROMA – Un’auto imponente, è lunga 486 cm, ma con una linea filante, che ricorda il mondo dell’aeronautica e il segmento di grande successo dei crossover.

Lo si vede dai cerchi da 17 a 20 pollici (disponibili come accessori) con i passaruota marcati, dall’aumentata altezza da terra, dalle linee laterali della carrozzeria che collegano elegantemente l’imponente cofano e il parabrezza panoramico lumiere, con il lunotto posteriore, passando per un finestrino, quello della terza fila, con un taglio decisamente aerodinamico.

La frenata è pronta, grazie al potente  impianto con abs, esp, e ammortizzatori idraulici a controllo elettronico, a cui si abbinano tante dotazioni di sicurezza come l’Intelligent keep line assistant, i sistemi di sorveglianza dell’angolo morto o della velocità, il regolatore di velocità, nonché il telaio 4Control, con le 4 ruote sterzanti. E poi ancora tanta tecnologia con easy access system, il sistema per aprire facilmente il portellone e, naturalmente, l’easy park assist. E l’interno si svela come un vero e proprio salotto, con 5 posti comodi più due nel baule a scomparsa, adatti anche a persone adulte e comandati elettronicamente. Tanti gli spazi contenitori con la possibilità di avere il tetto panoramico elettrico e con diverse  grandi innovazioni targate Renault.

  • Il Nuovo Espace al Colosseo
    Il Nuovo Espace al Colosseo
  • Il posto di guida
    Il posto di guida
  • Il Nuovo Espace al Vaticano
    Il Nuovo Espace al Vaticano
  • Multi sense, versione Comfort
    Multi sense, versione Comfort
  • Il Nuovo Espace al Gianicolo
    Il Nuovo Espace al Gianicolo
  • Il Nuovo Espace a Coppedè
    Il Nuovo Espace a Coppedè
  • Multi sense, versione Sport
    Multi sense, versione Sport
  • Il Nuovo Espace ai Castelli Romani
    Il Nuovo Espace ai Castelli Romani
  • Initiale Paris
    Initiale Paris
  • Il Nuovo Espace a Villa Borghese
    Il Nuovo Espace a Villa Borghese
  • Kevin Spacey, il testimonial
    Kevin Spacey, il testimonial

Di grande impatto l’esperienza  Multisense, ovvero 5 modalità di guida diverse selezionabili dal guidatore, ognuna delle quali abbinata a un colore della console e dell’abitacolo per  rimarcare la scelta fatta. Rosso per la guida sportiva, verde per quella eco o blu per quella confort. Naturalmente c’e anche la versione personalizzabile, chiamata Perso. A bordo, al centro dei posti anteriori troneggia, verticalmente, il Tablet R-link da 8,7” con navigatore Tom Tom, posto proprio sopra la leva del cambio a forma di cloche di un aereo. La guida è resa poi più sicura dall’head up display a colori che, tanto per rimanere in tema aeronautico, proietta un’immagine nel campo visivo del conducente a una distanza virtuale di 2 metri con una serie di informazioni. Completa la dotazione di bordo anche un impianto audio Bose con ben 12 altoparlanti.

Questa che state vedendo è la top di gamma, l’Initiale Paris, ma il Nuovo Espace viene proposto anche con l’allestimento Zen e Intens, comunque molto ricchi. I colori comprendono 8  tinte metallizzate, tra cui questo nero ametista, e una  tinta opaca, il bianco ghiaccio, e due motorizzazioni: il 1.6 biturbo a gasolio da 160 cavalli, questo provato da noi, con una versione da 130 Cv sul livello Zen, e un 1.6 a benzina da 200 cv. Potenze adeguate per quest’auto che riporta in alto la tecnologia francese. Come ai (bei) tempi del Concorde…