MissiOnewsTrasporti

Offensiva russa sui cieli italiani

Offensiva russa sui cieli italiani. Aldilà della “storica” Aeroflot, compagnia russa alleata di Alitalia nell’alleanza Skyteam che, per l’inverno, ha incrementato i suoi voli giornalieri da Milano Malpensa e da Roma Fiumicino per Mosca Sheremetyevo da 4 a 5, collegamenti questi operati con B737-800, e che vola sull’Italia anche con la low cost Pobeda su Bergamo (leggi qui), sono tante le novità delle altre compagnie russe che volano sull’Italia. Tra cui naturalmente segnaliamo anche la controllata da Aeroflot Rossiya Airlines, vettore che vola su Milano, Roma e Rimini e voli stagionali su diversi scali.

Offensiva russa sui cieli italiani. Le novità targate S7

S7 Airlines, compagnia area russa che fa parte dell’alleanza internazionale Oneworld e che dispone di un vasto network domestico, organizzato sulle basi di Mosca Domodedovo e Novosibirsk Tolmachevo, ha di recente inaugurato un volo tra roma Fiumicino e Mosca. “Ora i passeggeri, italiani e non, avranno l’opportunità di visitare Mosca grazie anche ai nostri nuovi voli diretti qui da Roma e di approfittare del vasto network di S7 per continuare il proprio viaggio grazie alle convenienti coincidenze offerte dall’Aeroporto di Domodedovo”, ha detto Igor Veretennikov,  Ceo di S7 Airlines che, a partire dal 26 marzo 2018, volerà anche tra Pisa e San Pietroburgo con due voli settimanali operati da Airbus A319, che diventeranno quattro dal 28 aprile: “I russi apprezzano molto la Toscana, in particolare le località della costa” ha affermato Marzio Scamolla, country manager per l’Italia di S7 Airlines. Vettore che, dopo i charter della neve su Verona e Torino dallo scalo di Pulkovo, in estate volerà anche da giugno a settembre su tra Olbia e Mosca Domodedovo tre volte alla settimana e due volte su Cagliari.

Offensiva russa sui cieli italiani. Il debutto di Utair sulla Malpensa-Roma

Utair, la compagnia aerea russa che opera sullo scalo di Mosca Vnukovo, è la prima a volare da Milano Malpensa su questo scalo moscovita. E lo fa giornalmente con un Boeing 737-500 configurato con 8 posti in business class e 108 in economy. Vnukovo “[è l’aeroporto] più vicino alla città di Mosca che sarà tra qualche anno collegato direttamente al centro città da una metropolitana. Ed è il nostro hub, da cui colleghiamo poi un ampio network di destinazioni domestiche di cui molte in esclusiva” ha detto Pavel Permyakov, presidente della compagnia, che anticipa mire espansionistiche anche su Verona e Pisa.

“Con questo nuovo volo su Vnukovo Milano è ora collegata a tutti e tre gli aeroporti di Mosca. Quello per la Russia è peraltro un mercato in costante crescita, grazie anche ai rinnovati accordi bilaterali tra i due Paesi e, ad oggi, registriamo una crescita del più 14%” ha detto Andrea Tucci, vice president aviation business development di Sea.

Offensiva russa sui cieli italiani. Raffica di novità per Ural Airlines

Dopo Rimini, città sulla quale i voli potranno essere incrementati fino a tre voli settimanali,  l’autorità dell’aviazione civile russa ha autorizzato Ural Airlines ad aprire voli diretti di linea da Yekaterinburg verso Bologna, Venezia e Verona. Bologna su cui Ural volerà anche su RostovKrasnodar dal 21 aprile 2018 e, con rotazioni charter, su Kazan e su Samara.

FlyValan
Precedente

Nel 2018 finalmente al decollo FlyValan

Alitalia dimezza le perdite
Successivo

Vendita Alitalia, il governo gioca la carta CDP