MissiOnewsPolitica&Economia

La Brexit sul tavolo della Gbta Conference di Francoforte

Anche la Brexit, naturalmente, sui tavoli della GBTA conference di Francoforte appena conclusa.  Secondo il GBTA BTI™ Outlook – Western Europe report, realizzato dalla GBTA Foundation, il braccio formativo e di ricerca della Global Business Travel Association, sono cinque i punti principali da affrontare per la Brexit nel mondo dei viaggi d’affari.

Eccoli:
Incertezza: una volta decisa la Brexit, bisognerà capire come i negoziati commerciali e sull’immigrazione con l’Ue cambieranno le regole in questi due particolari segmenti.
Tariffe dei viaggi: Un grosso impatto sui prezzi aerei può derivare dalla fine dei cieli aperti con l’Ue, anche qui attendiamo le negoziazioni. E una crescita dei prezzi avverrà anche per il “ritorno” del roaming telefonico, visto che il Regno Unito non sarà più tenuto a rispettare le nuove regole comunitarie sulla telefonia transazionale.
Maggiori controlli alle frontiere: Come è stato detto ma anche a me durante un mio recente viaggio in Inghilterra dalla solerte doganiera, “la prossima volta il passaporto”. E, per alcuni paesi, magari anche la reintroduzione dei visti. Sarà così più complicato viaggiare oltremanica. Per i gli uomini ma anche per le merci.
Sistema britannico di più complicato accesso: Persone, Merci, ma anche Accettazione di carte di credito, Assicurazione sanitaria, nonché semplicemente il Denaro. La libera circolazione all’interno dell’Ue stravolgerà le abitudini con le aziende con sede nel Regno Unito. Quante di queste si sposteranno per tutti questi problemi di accesso?
Lavoro: Tra le complicazioni maggiori dall’uscita dall’Ue, anche il libero movimento dei lavoratori subirà un forte rallentamento. facendo perdere competitività e, in alcuni casi, anche professionalità alle aziende con sede nel Regno Unito.

“Mentre i viaggi e le spese conseguenti sono state influenzate da una crescita economica europea debole e dal rallentamento globale, l’influenza di Brexit è stato finora trascurabile”, ha detto Catherine McGavock, Regional Vice President di GBTA – EMEA. “Le aziende e i viaggiatori d’affari continuano a mostrare la loro resilienza e una ottima capacità di adattamento per come l’Europa ha affrontato una serie di recenti sfide di recente”. Ora vediamo come si comporteranno con la Brexit.

Precedente

Uvet Business Travel Survey: Parigi prima meta d'affari. Milano in Italia

Successivo

Parola di GBTA: il bt è in crescita, anche in Italia