convention bureau napoli

Convention Bureau Napoli con Margherita Chiaramonte alla presidenza

Il Convention Bureau di Napoli elegge come presidente Margherita Chiaramonte. La direttrice sviluppo network di Gesac rimarrà al vertice dell’organismo di promozione della destinazione per eventi e congressi per un triennio. Il suo obiettivo è di sostenere l’attività dell’importante network di imprese che operano nel turismo convegnistico.

Spiega: «Voglio imprimere un’accelerazione all’attività del convention bureau perché la città possa guadagnare un ruolo di primo piano tra le destinazioni del turismo congressuale in Italia e in Europa».

Per competere ad alti livelli, le istituzioni saranno invitate a collaborare.

Il team del CB Napoli: Oreste Orvitti, Margherita Chiaramonte, Giovanna Lucherini, Antonio Izzo

Convention Bureau Napoli: Lucherini confermata alla direzione

La nomina del nuovo presidente avviene in un momento di ripresa del settore Mice cittadino.

Nel 2021, la città partenopea ha raccolto il 23% di richieste in più rispetto al 2020, per l’organizzazione di eventi. La crescita, frutto del lavoro svolto anche nel periodo di pandemia, è stata particolarmente interessante nel secondo semestre, che si è chiuso con un +178%.

Positive anche le prospettive per i prossimi anni evidenziate dall’aumento del numero di candidature internazionali dal 2023 al 2027.

Giovanna Lucherini è stata confermata alla direzione. Invece, i vicepresidenti sono Antonio Izzo, presidente di Federalberghi Napoli, e Oreste Orvitti del museo nazionale ferroviario di Pietrarsa e Fondazione FS.

In Campania, i convention bureau si sono riuniti in un protocollo d’intesa.

Oltre all’ente napoletano si sono alleati quello di Salerno, di Amalfi e Sorrento. Lo scopo è di offrire un interlocutore unico alla Regione Campania, che ha recentemente aderito al Cbitalia, il convention bureau nazionale.