Eventi in presenza: ecco perché le aziende vogliono tornare ad organizzarli

C’è voglia, anzi, bisogno di eventi in presenza. È questo uno degli elementi più forti che emerge dalla quinta fase dell’indagine L’Industry degli Eventi e della Live Communication di fronte alla crisi Covid19, svolta per il Club degli Eventi, organo di rappresentanza di agenzie di eventi e live communication, dall’istituto Astra Ricerche.

Salvatore Sagone, presidente del Club degli Eventi

Salvatore Sagone, presidente del Club degli Eventi

La survey è stata condotta tra il 15 marzo e il 15 aprile 2021 coinvolgendo 427 soggetti fra le stesse agenzie, i fornitori e le aziende clienti.

Eventi in presenza: i numeri del crollo

Com’è prevedibile l’emergenza sanitaria ha impattato in maniera drammaticamente negativa sugli eventi. Secondo la ricerca, infatti, nei primi due mesi del 2021 il numero complessivo di appuntamenti realizzati è sì leggermente superiore allo stesso periodo 2020, 9,3 contro 8,3, ma, di questi la maggioranza, 6,3, sono digitali e ibridi.

Il confronto tra il 2019 e il 2020, invece, mostra un dato è davvero da brivido: se prima del Covid19 la media era di 104 all’anno, nel 2020 è stata di 26,3.

Da sottolineare che i primi 2 mesi del 2020 appartengono all’era pre-Covid-19.

Senza eventi live, fatturato in picchiata

Previsioni 2021 perdite di fatturato agenzie di eventi

Per quanto riguarda il fatturato, le previsioni per il 2021 parlano di una perdita media di circa il 64% rispetto al 2019. E il dato non sorprende. Conferma, infatti, un trend negativo. Già nel 2020 le perdite di fatturato si attestavano al 70,8%.

Ma non mancavano punte negative. Il 40%, infatti, aveva perso almeno l’85%.

Eventi digitali: l’ultima risorsa

Per non interrompere la comunicazione con clienti, stakeholder e risorse interne, le aziende investono sugli eventi digitali e ibridi. E, per rispondere alla crescita della domanda, i fornitori hanno rimodulato il proprio portfolio di servizi.

Secondo la ricerca, infatti, il 52,4% delle agenzie ha modificato la propria offerta in direzione digital. Tutto bene, dunque? No, anzi. Per il 45% dei rispondenti il business generato dagli eventi digital non è rilevante a livello economico.

Le aziende vogliono tornare agli eventi in presenza

Come le aziende valutano gli eventi digitali e in presenza

Nonostante l’implementazione di tecnologie ingaggianti, gli eventi digitali non possono sostituire gli eventi in presenza. E a sostenerlo sono proprio i clienti. Come rileva lo studio di Astra Ricerche, la quasi totalità delle aziende, il 95,5%, sente fortemente la mancanza di eventi fisici.

Prive del live, infatti, non raggiungono i propri obiettivi di comunicazione e di target.

Per il 74,1%  delle aziende la mancanza di eventi in presenza rischia, inoltre, di causare danni all’immagine e alla reputazione del brand.

rabbia settore eventi
Precedente

La rabbia del settore degli eventi per il Decreto Riaperture

eventi a malta
Successivo

Eventi a Malta: campagna di incentivi per gli organizzatori