A New York riapre il Javits Center da 1,5 miliardi di dollari

L’espansione del Javits Center di New York sarà completata entro marzo 2021. Ne ha dato l’annuncio il governatore Andrew Cuomo, precisando che il rifacimento da 1,5 miliardi di dollari aggiungerà 370mila metri quadrati di spazio totale per eventi sul West Side di Manhattan. Il progetto, dunque, sta rispettando i tempi di esecuzione e di budget.

Cuomo si è unito al team degli architetti e agli operai per firmare una delle ultime travi in acciaio ad essere poste nella gigantesca struttura, a pieno titolo il centro congressi più frequentato degli Stati Uniti. Il primo evento ad esservi ospitato sarà la fiera internazionale del mobile contemporaneo e Lightfair nel maggio 2021. E’ previsto che gli appuntamenti di primavera dell’industria del design attireranno più di 40mila professionisti a New York in quei giorni.

Javits Center di New York con la fattoria sul tetto

Il Javits Center sarà dotato di attrezzature tecnologiche all’avanguardia e presenterà il 50% di spazi in più tra magazzini e spazi espositivi. Tra essi nuove sale riunioni e un tetto trasparente per fare entrare la luce naturale.

Per sveltire le operazioni di carico e scarico con i mezzi pesanti e commerciali è stata aggiunta una nuova struttura a loro dedicata. Grazie ad essa, ogni anno oltre 20.000 camion legati agli eventi verranno tolti dalle strade vicine, riducendo al contempo la congestione e l’inquinamento dell’area.

Su una porzione del tetto (che misura 6,75 acri) ci sarà anche una fattoria di un acro di superficie. Ogni anno verranno coltivate fino a 18 tonnellate di prodotti e utilizzate nei pasti serviti dalla ristorazione della struttura.

Per quanto riguarda le vetrate sono stati installati pannelli “a misura di uccello” in modo che i volatili non si infrangano all’impatto, interpretandoli come spazi aperti. Esse offrono viste sul tetto verde del centro congressi, sullo sviluppo del quartiere di Hudson Yards e sul fiume Hudson.

La certificazione Leed che il Javits Center di New York riceverà sarà la Silver come l’edificio già esistente che ospita ogni anno 2 milioni di professionisti e non ha mai chiuso durante i lavori di ampliamento.

Con orgoglio, la direzione dei lavori ha fatto sapere che durante le opere di posa delle fondamenta adiacenti al Lincoln tunnel sono stati completati senza incidenti e sono stati svolti in due tubi nel tunnel che collega New York e il New Jersey. Questa struttura rappresentato un’importante impresa ingegneristica per il team di progettazione e di costruzione.

Leggi qui dell’orto sul tetto del polo fieristico parigino.

Lighting e spazi per eventi speciali

A oggi la sovrastruttura in acciaio e calcestruzzo del progetto di espansione è completamente installata e tutti i lavori dovrebbero essere completati entro marzo 2021, esattamente tre anni dopo l’avvio. In totale, sono state fabbricate 13.940 tonnellate di acciaio.

Al termine, il Javits Center di New York ampliato presenterà più di 60mila metri quadrati di nuove sale riunioni. Incluso uno spazio per eventi speciali di 16mila mq che è il più grande del suo genere nel Nordest statunitense.

Tutti gli ambienti sono dotati delle più recenti tecnologie di illuminazione, di sistemi di riscaldamento e raffreddamento nonché di connettività wireless.

È importante sottolineare che il centro congressi della Grande Mela avrà 152mila di spazi per eventi contigui.

Guidato dal Governatore Cuomo e dall’Empire State Development, il progetto creerà fino a 6.000 nuovi posti di lavoro. Inoltre, genererà circa 400 milioni di dollari in ulteriore attività economica annuale.

2019 del Mice a Roma e nel Lazio
Precedente

Il 2019 del Mice a Roma e nel Lazio, le 7 esperienze più richieste

Borgobrufa
Successivo

Cinque stelle per il resort Borgobrufa in Umbria