Il rilancio dell’Italia del MICE parte da The Mice Road

The Mice Road nasce dalla volontà di far rinascere il turismo italiano di Meetings, incentives, conferences and exhibitions tramite un roadshow virtuale, innovativo e originale.

Da sempre l’Italia è una delle mete predilette se si parla di Mice. Tuttavia, a causa dell’emergenza sanitaria, al momento c’è bisogno di una spinta in più. Ed ecco The Mice Road.

Sud, Centro e Nord in 9 tappe: sarà questa la staffetta che si svolgerà tra il tardo autunno 2021 e l’inverno 2022 per valorizzare ciascuna destinazione al di fuori delle classiche stagioni congressuali. Nella prima fase le città scelte saranno Napoli, Bologna e Torino.

Il progetto di rilancio di The Mice Road in Italia

Il programma comprenderà esperienze live e di comunicazione digitale, ponendo l’accento su temi fondamentali oggi, come l’ecosostenibilità e la responsabilità sociale.

Patrocinato dal Convention Bureau Italia, The Mice Road (il marchio registrato è TheMICEroad) vuole rappresentare una promozione del Mice italiano rivolta all’estero.

Giovanna Lucherini

«Meetings mean Italy è il pay off che abbiamo scelto per il progetto, perché la destinazione Italia non deve essere una scelta, bensì la scelta per il Mice», dichiara l’ideatrice del roadshow, Giovanna Lucherini, general manager del CB di Napoli.

L’iniziativa nasce in partnership con BeAcademy e con un team del Master in event management “Them” 2021, che supportano lo staff digital all’interno del progetto. Tutto il programma sarà rilanciato in modo creativo su Humans of Mice, che è media partner.

Attraverso l’innovativa formula itinerante, basata sul marketing B2B, si vuole porre attenzione sul mondo degli eventi congressuali, per i quali il Made in Italy ha sempre avuto una spinta in più. La scelta è stata quella di creare un unconventional tour virtuale in 9 appuntamenti, attraverso una campagna di storymaking esperienziale.

Il virtuale esperienziale in Italia è possibile

«Fare rete non è mai stato così importante», afferma il direttore del Convention Bureau Italia, Tobia Salvadori.

Tramite collaborazioni con sponsor, partner, professionisti degli eventi e ambassador, verranno coinvolti i rappresentanti dei CB e delle Dmo italiane, che apriranno le porte della propria destinazione per farne visitare i luoghi, presentando la loro filiera organizzativa.

I convention bureau locali, che prestano molta attenzione alle proprie comunità e ad alcune aree meno conosciute, le segnaleranno ai professionisti.

L’obiettivo del roadshow è quello di valorizzare le pratiche di ecosostenibilità e responsabilità sociale, il rispetto di comportamenti etici, a sostegno di ciascuna destinazione, tramite convegni basati sul coinvolgimento attivo dei partecipanti.

L’esperienza rimane un elemento fondamentale del tour, che si vede cambiato per la necessità ma virtuale non vuole essere il contrario di esperienziale.

Convention Bureau Italia: il rilancio dell’Italia del MICE tramite il digitale

BoxIT CBI

Presentazione BoxIt al Palacongressi di Rimini.

Dalla fine del 2020, anche il Convention Bureau Italia si è aperto al digitale per sopperire alla crisi degli eventi, sviluppando la piattaforma BoxIT. Questa si è posta l’obiettivo di creare un canale di comunicazione istantaneo tra suppliers della destinazione Italia e i diversi buyers.

I soci del CBItalia, attraverso funzionalità di profilazione, promozione e messaggistica diretta, hanno la possibilità di mantenere un network di contatti a cui comunicano servizi e novità, superando i limiti di tempo e spazio imposti dalla pandemia.

Inoltre, l’1 luglio, Convention Bureau Italia ed Enit hanno annunciato la terza edizione di Italy at Hand. Dopo due anni dall’ultima tappa del 2019 a Roma, l’evento torna al 100% in presenza.

La manifestazione avrà lo stesso format e si terrà dal 16 al 18 dicembre 2021 a Milano. La città, rappresentata dal giovane Yes Milano Convention Bureau, ha accettato con entusiasmo di ospitarla.

Saranno tre giorni di incontri B2B, attività coinvolgenti dedicate al business e al networking con 45 buyer altamente qualificati e 35 tra i migliori operatori del Mice italiano.

Museo-delle-Illusioni
Precedente

Apre a Milano il Museo delle Illusioni: reali le opportunità per il Mice

viaggi di incentivazione
Successivo

I viaggi di incentivazione ripartono con Gattinoni: oltre 2.000 i partecipanti