un milione di euro per il Mice

Un milione di euro per il Mice dal Ministero del Turismo

Good news per la meeting industry italiana. Il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia ha firmato il decreto Fondo Unico Turismo. Prevede lo stanziamento di più di un milione di euro per il Mice.

Il fondo finanzierà da qui al 2024 il progetto elaborato da Convention Bureau Italia e da Federcongressi & eventi.

L’obiettivo del progetto è rilanciare l’Italia sul mercato internazionale dei congressi e degli eventi. Incrementando quindi il numero dei congressi internazionali e, di conseguenza, gli arrivi di partecipanti e l’indotto economico generato.

Business intelligence, business development e sostenibilità sono le 3 principali aree di intervento. Saranno sviluppate con attività realizzate dalle due associazioni di categoria, in coerenza con le strategie del Ministero del Turismo.

[Scopri dove si posiziona l’Italia nella classifica Icca 2021]

Un milione di euro per il Mice: opportunità per tutta la filiera

«È un risultato straordinario raggiunto grazie ad un lavoro di squadra con Convention Bureau Italia che, a cascata, genererà opportunità di business per tutta la filiera», commenta la presidente di Federcongressi & eventi Gabriella Gentile.

gabriella gentile presidente federcongressi
Gabriella Gentile, presidente di Federcongressi&eventi

«Ma soprattutto è anche il riconoscimento di un processo di collaborazione con il Ministero del Turismo che sempre più ci vede come punto di riferimento nella progettazione delle strategie di crescita e sviluppo a favore della meeting industry italiana».

Il salto di qualità per la meeting industry italiana

«Siamo estremamente contenti di ricevere questa attestazione di fiducia da parte del Ministero che di fatto sancisce il tanto atteso riconoscimento della qualità dei progetti a cui abbiamo lavorato duramente in questi anni, nonché del valore strategico dell’intero settore», commenta Carlotta Ferrari, presidente Convention Bureau Italia.

Continua: «Concretamente si traduce nel dare vita a un set articolato di attività di promozione per il Mice italiano che si vanno a inserire in continuità con quanto stiamo facendo già da anni e con grande successo insieme a Enit. Conseguentemente, le attività di business development previste nel progetto presentato al Ministero – grazie alla preziosa collaborazione con Federcongressi & eventi – e che andremo a realizzare, saranno tutte svolte in stretta collaborazione con Enit e rappresenteranno un salto di qualità decisivo per tutta la meeting industry italiana».

Carlotta Ferrari, presidente Convention Bureau Italia
Carlotta Ferrari, presidente Convention Bureau Italia

I fondi per Veneto e Sicilia

Il Fondo Unico Turismo non è destinato solo al Mice. Infatti, il Ministero del Turismo ha stanziato oltre 700 mila euro a favore della Regione Veneto per due progetti: “Buy Veneto” e “Caseus”.

Il primo ha come obbiettivo iniziative di networking e marketing territoriale. È previsto anche un workshop internazionale del Turismo in Veneto. Invece “Caseus” mira a garantire diffusione e notorietà delle produzioni lattiero casearie della Regione.

Sempre il Fondo Unico Turismo prevede il cofinanziamento con 170 mila euro di 3 progetti della Regione Sicilia: “Maratona della città di Palermo”, “Jazz Festival di Castelbuono ” e “Luce e Santità 2022 – Arte, Musica, Food e Tradizione della città di Avola”.

Sbloccati i sostegni per agenzie di viaggio, tour operator e guide turistiche

Oltre al Fondo Unico Turismo per il Mice il ministro del Turismo Massimo Garavaglia ha firmato anche il decreto che sblocca 39,3 milioni per le agenzie di viaggio e tour operator.

Si tratta di interventi previsti dal DL Sostegni ter a favore delle aziende per garantire la continuità aziendale e la tutela dei lavoratori.

L’intervento riguarda gli operatori che hanno registrato nel 2021 un calo di fatturato di almeno il 30%, rispetto al 2019.

Firmato anche l’intervento per 2 milioni a favore di guide turistiche, accompagnatori e partite Iva previsti dal DL Sostegni ter. È riservato a chi non aveva ricevuto in passato altre misure di sostegno.