MissiOnewsTrasporti

Air China, dal 12 giugno al via il Roma-Hangzhou

Aumentano i voli tra Italia e Cina: dal prossimo 12 giugno, infatti, partirà il collegamento Air China tra Roma Fiumicino e Hangzhou, metropoli da oltre 6 milioni di abitanti dell’estremo Est del paese, sede del colosso informatico Alibaba e di uno stabilimento dove Fiat costruisce componenti auto. E’ un centro di sviluppo industriale, informatico, tessile e dell’abbigliamento con oltre 15 Università ed 8 Politecnici.

Il collegamento operato da Air China sarà effettuato tre volte alla settimana (mercoledì, venerdì e domenica, con partenza alle ore 12.10 e arrivo alle 6.35 locali) con un Airbus A330-200. “Con questo volo diretto – afferma il general manager della compagnia, Ma Nan – Air china completa l’attuale offerta verso il paese della Grande Muraglia arrivando a proporre 10 voli settimanali no stop. La nostra collaborazione con Aeroporti di Roma dura da 32 anni e prosegue in modo proficuo” (leggi del lancio dell’A350 sulla rotta da e per Milano Malpensa).

Air China su Hangzhou, collegata dall’alta velocità a Pechino e  Shanghai

Oltre a essere una città turistica, come dicevamo, Hangzhou è un importante polo d’affari, molto ben collegato con Shanghai (45 minuti di treno ad alta velocità) e con Pechino, quest’ultima sia con il treno (un’ora di tragitto) sia attraverso il Gran Canale, il fiume artificiale più lungo del mondo. “Nel 2019, a Fiumicino prevediamo un transito di 900mila passeggeri da e per la Cina, in crescita rispetto al 2018 a causa dell’aumento delle connessioni e a +60% rispetto al 2014”, ha aggiunto Fausto Palombelli, direttore marketing e sviluppo aviation di Aeroporti di Roma. “Il volo per Hangzhou porta a 12 le destinazioni cinesi collegate con Roma. La rotta rappresenta sicuramente la migliore opportunità per raggiungere interessanti opportunità di business in Estremo Oriente”. La città di Hangzhou ha un ruolo cruciale nell’iniziativa cinese Belt & Road. In virtù della stessa, le autorità locali hanno inaugurato voli per 32 destinazioni in Paesi e regioni che hanno aderito al progetto. Anche il settore della moda è coinvolto per promuovere nuove forme di cooperazione tra le filiere dei due Paesi: il Sino Italian Fashion Summit andrà in scena nella capitale dello Zhejiang dal 24 al 26 giugno.

Il rendering della Business City a Fiumicino

Adr è impegnata nella realizzazione del progetto “Business City” al Leonardo da Vinci, presentato l’anno scorso: un centro direzionale innovativo collocato accanto ai terminal dell’hub internazionale, per ospitare 10mila business traveller e professionisti ogni giorno, considerando anche coloro che vi lavorano. E’ in corso di realizzazione riqualificando aree industriali preesistenti, quindi con zero consumo di suolo aggiuntivo. Oltre a spazi di lavoro, ospiterà un centro congressuale per 1.300 partecipanti. In tutto saranno sette edifici. La roadmap prevede che i primi 4 edifici  saranno disponibili tra il 2022 e il 2023, mentre i restanti tre apriranno nel 2024. La Business City di Fiumicino si configura come un polo di trasporto intermodale, a pochi minuti a piedi dalla stazione degli autobus e dalla stazione ferroviaria, dove transitano l’alta velocità per Venezia, i collegamenti verso Roma Termini e tutta la regione. Lo sviluppo commerciale della Business City sarà gestito direttamente da Adr con la collaborazione di Bnp Paribas Real Estate. L’investimento delle opere è di circa 190 milioni e trasformerà Fiumicino in una città aeroportuale da 50mila “abitanti”.

indagine di CWT
Precedente

Quali sono le preferenze dei viaggiatori d’affari? Lo rivela la nuova indagine di CWT

Gruppo Uvet
Successivo

Gruppo Uvet a 800 milioni nel business travel