Enac, bando di 14,5 milioni di euro per flotte GREEN negli aeroporti

L’Enac apre il bando per l’acquisto di veicoli elettrici nelle flotte degli aeroporti regionali. Il valore del finanziamento è di 14,5 milioni di euro per autovetture e mezzi elettrici, sostenuto dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

«L’utilizzo di mezzi elettrici negli aeroporti rappresenta un ulteriore passo verso la riconciliazione del trasporto aereo con la tutela ambientale», sottolinea il presidente dell’ente per l’aviazione civile Pierluigi Di Palma.

Bando Enac per veicoli elettrici negli aeroporti

L’avviso pubblico per finanziare l’acquisto o la sostituzione dei mezzi di proprietà e/o leasing, alimentati con motori endotermici, con veicoli a trazione elettrica, è già sul sito web dell’Enac.

Sarà fatta una “valutazione premiale” per gli operatori che proporranno un piano per la sostituzione dell’intero parco aeroportuale.

Il contributo verrà erogato nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, tutela dell’ambiente ed efficienza energetica.

Per aeroporti regionali si intende con una media annuale fino a 3 milioni di passeggeri.

Enac e Ministero: la collaborazione

Promuovere investimenti a favore della flotta “airside”, cioè tutti i veicoli di trasporto persone e materiali all’interno del sedime aeroportuale, è una proposta di Enac, che il Ministero ha accettato.

Saranno utilizzati i fondi delle aste di quote di emissioni (i cosiddetti carbon credits) da assegnare agli operatori aerei, per un valore di 6.229.524 di euro.

Sulla somma, l’Enac aggiunge 5 milioni di euro per arrivare a 11.229.524 euro. Se poi la dotazione complessiva necessiterà di un rimpinguo, l’ente potrà arrivare a un massimo di 14,5 milioni da destinare al progetto.

Di Palma: «La svolta green incide positivamente sull’impronta ecologica degli scali e si inserisce nella policy di de-carbonizzazione del trasporto aereo. La mission dell’Ente prevede, infatti, la tutela ambientale come base dello sviluppo del comparto. Attraverso l’impiego delle più avanzate metodologie di analisi e di miglioramento dell’efficienza energetica».

Il finanziamento potrà essere concesso ai gestori aeroportuali anche per l’acquisto di mezzi elettrici destinati all’assistenza alle persone disabili e alle persone a ridotta mobilità.

Trasporti e aeroporti: un piano di sviluppo nel segno della sostenibilità

L’Enac ha avviato la fase di studio del nuovo piano nazionale degli aeroporti, che vuole essere il primo capitolo del più ampio programma generale dei trasporti. Il ministro Enrico Giovannini ha dato indirizzo e mandato per aggiornare il precedente disegno di sviluppo delle infrastrutture del settore aereo, risalente al 2015.

Integrazione modale e sostenibilità saranno i cardini.

I consulenti che affiancheranno l’ente nella revisione sono riuniti in un raggruppamento temporaneo d’impresa (Rti). Ne fanno parte Aecom Urs Italia, Aecom Inocsa S.l.u., Aecom Limited, To70 B.V. e Università di Bergamo.