AccomodationMissiOnewsTech & Web

Hrs Hotel Price Radar: Venezia la più cara in Italia, Oslo in Europa e New York al mondo

Con una tariffa media di 156 euro a notte Venezia ritorna la città più cara in Italia per pernottamento, sorpassando Milano che registra un calo delle tariffe del 13,8% nel secondo trimestre di quest’anno rispetto allo stesso periodo 2015, secondo il barometro di Hrs Hotel Price Radar 2016 che ha analizzato il prezzo medio delle camere in oltre 150 destinazioni business in tutto il mondo.

Dopo la città lagunare rimane comunque al secondo posto Milano con 119 euro a notte seguita da Firenze, senza alcun aumento, con 116 euro e Roma a 106 euro, in calo del 6,8%. Uniche città in Italia a registrare un aumento dei prezzi sono Verona con un costo medio a camera di 103 euro (più 10,8) e Bologna a 87 euro ( più 3,6%).

In Europa è sempre  Oslo la città più cara per l’accomodation alberghiero, con tariffe medie di 222 euro a notte con un boom del 69,5% anno su anno, seguita da Londra, con una tariffa di 177 euro, in calo del 7,3% , e  Zurigo, con un costo invariato di 173 euro a notte. Ancora nel Nord altre città care, quali Copenhagen (165 euro), Stoccoloma (158 euro) e Amsterdam (151 euro).

Il terrorismo, e le tensioni geopolitiche, naturalmente colpiscono anche le tariffe degli alberghi, con un meno 18,8% per i prezzi degli hotel a Istanbul, per 78 euro di media e per Mosca, a meno 16,4% e un prezzo medio di 87 euro.

Ma le più care in assoluto sono le città Usa, con New York a ben 244 euro, anche se in diminuzione del 12,2% rispetto allo scorso anno, seguita da San Francisco al costo di 226 euro (più 4,2%). Cali drastici dei prezzi vengono invece registrati in Brasile con Rio De Janeiro in forte discesa malgrado le Olimpiadi ( a meno 32,3%) e con un prezzo medio di 126 euro e San Paolo a 82 euro, in ribasso del 22,6%. Tra i forti cali anche l’offerta di Dubai, a meno 24,2%, con 116 euro a notte di media.

Precedente

Duopolio in Europa sul web tra Booking ed Expedia. Hrs terzo incomodo

Successivo

Il PIL italiano rallenta: parola dell'Uvet Travel Index