Il dado è tratto: il 100% di Brussels passa al gruppo Lufthansa

Oggi è il giorno decisivo per il passaggio del 100% di Brussels Airlines al gruppo Lufthansa per un corrispettivo di 2,6 milioni di euro. Una cifra per il 55% della holding di controllo del vettore belga, nella quale la società tedesca aveva già investito 45 milioni di euro. La chiusura dell’operazione dovrebbe avvenire entro il 31 dicembre 2016, con un’integrazione totale delle compagnia nel gruppo per il 2018.

Gli azionisti di minoranza, tra cui Engie, Rossel, BNP Paribas ma anche le autorità valloni, non hanno ancora dato l’ok all’acquisizione, con il timore di perdere una bandiera del paese, con una forte identificazione nelle tradizioni belghe, a partire da alcune livree dei suo aeromobili, a tema Tin Tin, Magritte e Red Devils, a cui se ne aggiungerà un “quarto top secret il prossimo anno” come ci ha anticipato a noi di Mission Richard Painvin, Head of commercial Europe del vettore.

Ma Lufthansa ha assicurato che svilupperà il brand anche se all’interno della piattaforma Eurowings, conservando però flotta, composta da 42 A320 e 9 A330, e network, soprattutto quello africano dal suo hub di Bruxelles.

lato management il ceo Bernard Gustin dovrebbe rimanere alla cloche della compagnia, insieme al presidente Etienne Davignon che verrà però affiancato dal numero uno del gruppo Lufthansa Carsten Spohr come co-presidente.