MissiOnewsTrasporti

Il lusso di Emirates anche agli arrivi. Con una lounge a Malpensa

Emirates raddoppia. E dopo Londra Heathrow inaugura oggi a Milano Malpensa la sua seconda Lounge Arrivi  nel mondo, dedicata ai passeggeri delle classi First, Business e ai membri Gold e Platinum di Skywards, il programma frequent flyer della compagnia aerea.

DSC_1808

Fabio Lazzerini, Italy Country Manager Emirates e Pietro Modiano, Presidente SEA

All’inaugurazione era presente Fabio Lazzerini, Italy Country Manager del vettore emiratino, che ha dichiarato come Malpensa sia per Emirates “una seconda casa dopo Heathrow. Una lounge nata anche e soprattutto grazie alla partnership con Sea”.

Sea che, con le parole del presidente Pietro Modiano, ha sottolineato  come “questa collaborazione continui negli anni riepiendoci d’orgoglio. L’ideazione di questa lounge è la testimonianza dell’eccellenza dell’aeroporto, dovuta anche alla crescita di Emirates, che ha registrato ad oggi più di 800 mila passeggeri e si appresta a raggiungere entro il 2017 un milione di passeggeri”

Il vettore ha infatti registrato nel 2015 una crescita del 34% di passeggeri nella rotta Milano New York e una crescita generale del 16% dei traffico sullo scalo lombardo.

Arrival Lounge. Un parcheggio dedicato

L’Arrival Lounge di Milano è frutto di un investimento di 600 mila euro, che si vanno ad aggiungere ai 2,5 milioni sborsati da Emirates per la lussuosa lounge alle partenze, con accesso diretto ai gate per i suoi A380, e  offre servizi esclusivi come lo Chauffer Driver che consiste nel servizio di transfer da e per l’aeroporto con auto dedicate. IMG_0625Il servizio risulta essere molto funzionale soprattutto per i viaggiatori d’affari che rappresentano circa l’80% della clientela First e Business class della compagnia emiratina, “anche se non la totalità dei viaggiatori di First e Business sanno di questo servizio assolutamente gratuito per loro e per le loro aziende”, ha stigmatizzato Lazzerini. Comunque sono circa 90 i passeggeri che ogni giorno usufruiscono del servizio chauffeur.

 

 

 

Precedente

Olta e gds contro l'articolo 50 del Ddl concorrenza

Successivo

Brexit: dopo il sì all'Europa di easyJet, quello di Ryanair