AccomodationMissiOnewsTech & Web

La realtà virtuale sbarca negli hotel Marriott

Marriott Hotels ha lanciato in via sperimentale in 2 alberghi il servizio VRoom Service, che permette agli ospiti che ne fanno richiesta di vivere esperienze di realtà virtuale e portando al massimo livello l’intrattenimento. Il tutto grazie alla collaborazione di Samsung Electronics America.

In attesa che (si spera) venga esteso a tutti gli altri 500 hotel Marriott sparsi per il mondo, i clienti del London Park Lane e del New York Marquis potranno ricevere per 24 ore un Samsung Gear VR – con auricolari inclusi – ed effettuare viaggi virtuali in giro per il mondo, comodamente sdraiati a letto o seduti in poltrona. Questo “caschetto” di ultima generazione permette di immergere chi osserva in vere e proprie esperienze in 3D e a 360 gradi.

Gli utenti possono scegliere in una destinazione turistica ascoltando il racconto di chi è andato veramente in quel posto. Marriott ha infatti lanciato la piattaforma “VR Postcards“, che permette di vivere un viaggio senza muoversi dalla camera. Fino a questo momento, le prime Postcards sono state girate nelle sperdute montagne delle Ande cilene, in una gelateria in una non specificata zona del Ruanda e sui maciapiedi delle incredibili strade affollate di Pechino.

Ma Marriott non è al primo passo nel settore della tecnologia virtuale legata all’intrattenimento: lo scorso anno, infatti, l’azienda ha introdotto per la prima volta un’esperienza di viaggio in realtà virtuale 4-D con The Marriott Teleporter. In primavera, invece, aveva lanciato in tutto il mondo alcune innovazioni come la chat di Mobile Request, disponibile sulla Marriott Mobile App, che permette di accedere in autonomia al VRoom Service.

Precedente

L'Olimpia Milano vola in tour negli States con Gattinoni

Successivo

Virgin America al top negli Usa per il business travel