MissiOnewsPolitica & Economia

L’asso nella manica delle adv

  

Nell’ampio ventaglio di soluzioni tecnologiche sviluppate per il business travel un ruolo importante è svolto dai software per il controllo della qualità delle prenotazioni, rivolti ad agenzie di viaggio, compagnie aeree, gds e altri fornitori di servizi. Applicativi che monitorano le prenotazioni effettuate dal personale, verificando e integrando le informazioni contenute nel pnr (passenger name record), dalla data di partenza, alla tariffa, ai dati della carta di credito, fino all’assegnazione del posto a sedere. Oltre a queste funzioni, utili per migliorare il livello del servizio offerto alla clientela, in genere sono disponibili altri servizi: ad esempio, la possibilità di effettuare automaticamente l’upgrade di classe, il monitoraggio delle liste d’attesa, il controllo dell’e-ticketing, la ricerca automatica di tariffe a basso costo. Qualora la prenotazione sia priva di dati indispensabili, i sistemi di controllo qualità sono in grado di inviare automaticamente una e-mail di avviso al viaggiatore. Da segnalare, infine, la possibilità di elaborare un’ampia reportistica pre-trip, utile alle agenzie per effettuare un’analisi dettagliata dei processi al fine di migliorare la produttività.

L’offerta sul mercato

Ma quali sono le principali soluzioni di QC presenti sul mercato? Una delle più note è senz’altro Aqua, software sviluppato dalla società americana Aqua Software Products e utilizzata in Italia, fra gli altri, da Carlson Wagonlit Travel. Il sistema esegue automaticamente una serie di test programmati per ogni prenotazione. Oltre a “Quality Control”, che verifica l’esattezza dei dati del pnr, è disponibile il modulo “Fares”, che ricerca le tariffe più basse disponibili, consultando sia quelle pubblicate sia quelle preferenziali. Il terzo modulo, “Seats”, verifica l’assegnazione del posto effettuata dall’operatore in base alle preferenze del passeggero. Il quarto modulo, infine, “Waitlists”, tiene sotto controllo le liste d’attesa, monitorando 24 ore su 24 la disponibilità dei voli. Tra le altre funzioni disponibili, la possibilità di controllare gli e-ticket e di fornire pre-trip report sui dipendenti in trasferta.

Correx, della società Trx, è stato sviluppato per la prima volta nel 1992 ed è oggi utilizzato da cinque delle sette principali società di travel management mondiali per un totale di circa 60 milioni di transazioni all’anno. Consente di effettuare il controllo qualità sulle prenotazioni, di monitorare le liste d’attesa, di stilare un’ampia reportistica pre-trip e di ricercare in rete tariffe a basso costo e itinerari alternativi. Tra i clienti principali del sistema, Expedia, Lastminute.com, British Airways, Galileo, Navigant, Hotwire.com, Sabre, American Express, TQ3, Hogg Robinson.

E veniamo a Quicks, prodotto sviluppato dalla società tedesca Partners Software. Dotato di un’interfaccia user friendly e adottato da numerose compagnie aeree, l’applicazione verifica la correttezza delle prenotazioni aeree, alberghiere e dei noleggi auto. Offre inoltre la possibilità di effettuare nuovamente la prenotazione, usufruendo della tariffa più bassa disponibile.

Per le agenzie clienti il gds Galileo ha messo a punto Custom Check, un sistema preimpostato per evidenziare e risolvere i più comuni errori e omissioni che si verificano quando si effettua una prenotazione. Per agevolare l’attività dell’utente, l’applicazione è in grado di emettere messaggi di avviso e di allarme. Sempre sul fronte dei prodotti sviluppati dai gds segnaliamo Turbo Sabre, che fornisce un’ampia gamma di analisi e dati sui processi interni alle agenzie di viaggio. Disponibile per le agenzie connesse al gds, l’applicazione è però utilizzabile anche senza accedere al sistema Sabre.

Concludiamo la panoramica con myBTI Quality Check, di proprietà del gruppo Hogg Robinson Bti e disponibile sul mercato britannico. Il prodotto, che fa parte della soluzione BTIintellect, si avvale della funzione CORRe (messa a punto dalla società Trx) per la verifica dei dati della prenotazione e della funzione PoSH che fornisce all’agenzia di viaggi una serie di informazioni preliminari sull’azienda cliente.

Arianna De Nittis (Numero 4, maggio 2005)

Precedente

Tutti i dati a portata di mano

Successivo

Low cost su rotaia