MissiOnewsPolitica & EconomiaTMC

Le viaggiatrici per affari prenotano prima. Lo dice Cwt

L’ufficio studi di Carlson Wagonlit Travel ha analizzato 6,4 milioni di transazioni per prenotazioni di biglietteria aerea  provenienti da tutto il mondo nel 2014, per sottolineare come sempre di più il viaggio diventa personalizzato, con diversi cluster di viaggiatori costruiti sull’età, ad esempio i nuovi viaggiatori come i Millennials o la Generazione Y, o i guerrieri della strada, ovvero i frequent flyer, e il conseguente utilizzo della tecnologia durante gli spostamenti e … di tipologie di viaggiatori costruiti sul genere.

La ricerca, chiamata Gender differences in booking business travel, con il sottotitolo di Advance booking behavior and associated financial impact sottolinea come 1,8 milioni sono le transazioni fatte da donne rispetto ai dati presi in considerazione, ovvero il  30% del totale.

Con questi risultati: le viaggiatrici prenotano con un differenza di 1,9 giorni di anticipo rispetto ai colleghi dell’altro sesso che, comunque, anticipa per entrambi con l’aumentare dell’età degli stessi viaggiatori. Più sono frequenti i viaggi, inoltre, l’anticipo della prenotazione cala.

Ma Cwt ha anche confrontato i prezzi dei biglietti pagati da uomini e donne per gli stessi percorsi e alle stesse condizioni di viaggio,  e si vede una differenza di 17 dollari, pari a circa il 2% del prezzo medio del biglietto.

L’ampio insieme di dati e la rigorosa tecnica statistica di Cwt  permettono di rilevare e misurare le differenze nel comportamento di acquisto anticipato dei viaggiatori sia maschili e femminili, ma naturalmente questo metodo può essere esteso ad altri tipi di segmentazione di viaggiatore e ad altre aree della gestione dei viaggi.

 

Precedente

Buon compleanno, American Airlines: 90 anni nei cieli

Successivo

Asiana cresce su Roma