MissiOnewsTrasporti

Mascherina obbligatoria in volo fino al 31 agosto

Mascherina obbligatoria in volo da lunedì 4 maggio e fino al 31 agosto: le compagnie aeree del gruppo Lufthansa chiedono a tutti i passeggeri di indossarla a bordo dei loro aerei, a copertura di naso e bocca. Una misura che Alitalia ha adottato da metà marzo (ve lo abbiamo scritto qui) insieme ad altre precauzioni per il transito negli aeroporti. Per una maggiore tutela, le aerolinee consigliano di mantenere i dispositivi di sicurezza per tutta la durata del volo e negli scali. Laddove la distanza minima non può essere sempre garantita.

Scrive Lufthansa in una nota diffusa oggi: «Nonostante i numerosi adeguamenti delle procedure di servizio, non sempre è infatti possibile mantenere la distanza richiesta su un volo. Pertanto, la mascherina serve come protezione aggiuntiva per tutti i passeggeri. Tutti gli assistenti di volo sui voli a diretto contatto con i clienti la indosseranno allo stesso modo».

In questo modo Lufthansa Group si conforma alle norme ufficiali di numerosi paesi europei in cui l’obbligo di indossare una mascherina per la bocca e il naso, nonché guanti, è ormai obbligatorio nei luoghi pubblici.

Più in generale, si parla di “copri bocca e copri naso”.

Infatti, può essere anche una sciarpa o un foulard: «Si raccomanda l’uso di un dispositivo in tessuto riutilizzabile, ma sono possibili tutti tipi di coperture come semplici maschere monouso o sciarpe», spiega la comunicazione del gruppo tedesco.

I passeggeri sono informati in anticipo, via Sms o via e-mail sul nuovo regolamento.

Approfondisci qui sui consigli i consigli dell’Ufficio federale svizzero della sanità pubblica (in lingua italiana).

Mascherina obbligatoria in volo

Come anticipato, l’obbligo di indossare la maschera sarà applicato in via preliminare fino al 31 agosto dalle 4 aerolinee: Lufthansa, Austrian Airlines, Brussels e Swiss.

Inoltre, la prassi attuale per garantire il distanziamento tra le persone, mantenendo libero il posto a sedere in classe economica e Premium economy, non è più valida.

«In quanto l’uso della maschera per la bocca e il naso è in grado di garantire un’adeguata protezione della salute».

Ad ogni modo, visto il basso tasso di occupazione a bordo, i posti vengono comunque assegnati il più distante possibile tra loro, in tutta la cabina.

«In linea di principio, l’infezione a bordo rimane molto improbabile», viene precisato. Sappiamo che l’aria a bordo è più pulita che a terra. Infatti, è costituita per il 60% da aria fresca proveniente dall’esterno. Quella interna viene filtrata per rimuovere le impurità quali polvere, batteri e virus da potenti filtri.

«Dall’inizio della pandemia non si sono verificati casi di trasmissione sui voli del gruppo Lufthansa – conclude la nota -. La qualità dell’aria sui nostri aerei è simile a quella di una sala operatoria. Inoltre, l’aria circola in verticale invece di essere distribuita in cabina».

Approfondisci sulle norme italiane allegate al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpcm) del 26 aprile 2020, in materia di tarsporti.

Esteso il programma dei voli di rimpatrio: un’attività vitale

Nel frattempo, il programma di voli di rimpatrio è stato esteso fino al 31 maggio.

In queste attività vengono incluse anche alcune nuove rotte. Attraverso questi servizi di base, il gruppo Lufthansa può operare un importante livello minimo di collegamenti aerei.

A partire dal 18 maggio, quindi, il brand LH opererà voli da Francoforte per Atene (Grecia), Porto (Portogallo) e Göteborg (Svezia). Invece, i voli nazionali da Monaco di Baviera raddoppiano.

I collegamenti settimanali a lungo raggio diventano 15. Tre volte alla settimana ciascuno da Francoforte a New York Newark e Chicago, San Paolo (Brasile), Bangkok (Thailandia) e Tokyo (Giappone).

E ancora, risultano 330 voli settimanali dagli hub di Francoforte e Monaco di Baviera verso le più importanti città tedesche ed europee, invece dei precedenti 280. Lentamente, il numero delle operazioni torna a risalire.

I voli di Swiss, Eurowings, Austrian e Brussels

Swiss continuerà a offrire tre voli settimanali a lungo raggio settimanali per New York Newar da Zurigo e Ginevra, oltre a un orario notevolmente ridotto per i collegamenti a breve e medio raggio verso alcune città europee selezionate.

Austrian Airlines è obbligata a prolungare ancora una volta la sospensione dei voli di linea regolari di altre due settimane. Dal 18 maggio 2020 al 31 maggio.

Brussels Airlines, infine, prolunga ulteriormente la sospensione temporanea dei voli fino al 31 maggio.

Eurowings opera da Düsseldorf, Amburgo, Stoccarda e Colonia con un network domestico verso alcune destinazioni europee selezionate.

hotel sicuri dopo il COVID19
Precedente

Hotel sicuri dopo il Covid19: l'hospitality al lavoro sulle procedure di sicurezza

protocolli di sanificazione negli hotel
Successivo

Protocolli di sanificazione negli hotel B&B