ala automotive acquista Leaseplan

Ald Automotive acquista Leaseplan per 4,9 miliardi

Ald Automotive acquista Leaseplan per 4,9 miliardi di euro. È stato firmato il memorandum d’intesa per il take over del 100% della società di noleggio olandese da parte di un consorzio guidato da Tdr Capital. La chiusura dell’operazione è attesa per la fine del 2022. Al completamento nascerà la società New Ald di cui Societé Générale (proprietaria di Ald, ndr) controllerà il 53%, mentre gli azionisti di Leaseplan il 30,75%.

La fusione prospetta una crescita del 6% della flotta nel settore del noleggio a lungo termine.

Inoltre, New Ald punta al miglioramento del rapporto costo/ricavi del 45% entro il 2025. La nuova società dovrebbe generare sinergie operative e di approvvigionamento pari a 380 milioni di euro prima delle tasse.

Significativo il fatto che per le banche, la mobilità connessa, sostenibile e condivisa diventi il “terzo pilastro” d’investimento. Accanto al retail e all’investment banking.

SG è la quarta banca nella classifica per capitalizzazione dei gruppi bancari della zona Euro.

Ald Automotive acquista Leaseplan

La notizia non è del tutto inaspettata.

Che i due colossi del Nlt fossero in colloqui per un merger si sapeva dall’anno scorso. Altri gruppi bancari come Santander erano interessati a Leaseplan.

Peraltro il consolidamento nel comparto del noleggio e dell’automotive vede diversi dossier, tra i quali quello del Gruppo Volkswagen su Europcar. Altra operazione globale, da 2,9 miliardi. Ma dal Gruppo di Wolfsburg ancora tutto tace. Nonostante il via libera dall’autunno scorso da parte dell’agenzia francese regolatrice dei mercati finanziari.

Dalla fusione tra Ald e Leaseplan nascerà un leader del fleet management mondiale.

Il merger crea il colosso da 3,5 milioni di veicoli

Fino a giugno 2021, i due poli contano complessivamente 3,5 milioni di veicoli in portafoglio. Il che li colloca dietro a Volkswagen Financial Services (11,3 milioni) e Rci Bank & Services (3,8 milioni), davanti a Toyota Financial Services (3,2 milioni), Arval (1,4 milioni), Element (1 milione) e Alphabet (0,7 milioni).

Durante una conferenza stampa online, è stato esplicitato che nella prima fase l’obiettivo è quello di integrare tatticamente i 12 mercati principali (non è stato chiarito quali, ndr).

I team non cambieranno fino al completamento dell’integrazione.

Rispetto all’elettrificazione, Ald punta al 50% della flotta per il 2030, quando Leaseplan avrà completato la trasformazione energetica del suo parco.