Dura LexServizi

Ad Autopromotec la lotta alla contraffazione di gomme e ruote

In occasione di Autopromotec, il salone delle attrezzature per auto concluso il 28 maggio alla fiera di Bologna, le associazioni di categoria hanno sottolineato l’importanza di utilizzare prodotti sempre certificati. In particolare, i responsabili di Assogomma e Federpneus, insieme ad Anfia, Assoruote, Guardia di Finanza, Polizia Stradale e Agenzia delle Dogane hanno toccato il tema relativo ai pneumatici.

Durante il convegno “Prodotti sicuri e rispetto delle regole: le sfide di un mercato globale. La filiera dell’automotive e le Istituzioni illustrano il fenomeno e cercano risposte praticabili ed efficaci”, il direttore di Assogomma, Fabio Bertolotti, ha sottolineato l’importanza di acquistare e utilizzare pneumatici auto non solo conformi alla legge ma anche mantenuti secondo il corretto stato a tutela della sicurezza propria e altrui.

Da sempre a fianco delle forze dell’ordine nel sensibilizzare l’automobilista al consapevole acquisto di gomme – evitando prodotti modificati, alterati o danneggiati o non adatti alla stagione – e nel porre l’attenzione all’alternanza di prodotto tra estate e inverno e all’importanza del controllo da parte di un gommista professionista, Fabio Bertolotti ha riportato alcuni esempi emblematici che dimostrano che tanto c’è ancora da fare in questo campo.

Ad Autopomotec Assogomma vuole la detrazione fiscale per l’acquisto di pneumatici auto.

“Grazie alla collaborazione di autorità, istituzioni, associazioni della filiera auto e media, è stato possibile fornire un contributo al miglioramento della sicurezza stradale e dell’ambiente, nel rispetto delle norme di legge.  Sono stati condivisi controlli su strada, sul punto vendita in fase di montaggio e di smontaggio e in fase di revisione ed in importazione e sono state introdotte importanti modifiche al codice della strada, in tema di omologazione e di pneumatici invernali” ha detto il direttore dell’associazione che comprende le aziende produttrici di pneumatici e che spinge alla detrazione fiscale per l’acquisto di pneumatici d’auto (leggi l’articolo). A cui ha fatto eco ad Autopromotec Guido Schiavon, presidente Federpneus, l’associazione che raggruppa i rivenditori di pneumatici. “La lotta all’illegalità è un fattore che determina la sopravvivenza di un comparto economico legato a doppio filo all’industria dell’automotive. Ci sono alcuni siti web che propongono condizioni e qualità di prodotti fuori norma rappresentando dei veri e propri truffatori che mettono in cattiva luce chi, invece, lavora onestamente” (Leggi l’articolo sull’iniziativa Polstrada-Assogomma)

Al convegno di Autopromotec hanno partecipato anche i dirigenti della Polizia Stradale, il generale della Guardia di Finanza Gennaro Vecchione, il presidente di Assoruote, Corrado Bergagna, e rappresentanti di Anfia e dell’Agenzia delle Dogane. Tutti uniti nella lotta alla contraffazione e alla necessità di regole chiare e di controlli capillari.

“Il problema viene spesso dall’eCommerce” hanno detto in coro i rappresentanti di AsConAuto – l’associazione che raggruppa i consorzi dei concessionari auto italiani – e di Assoruote, l’Associazione Italiana dei produttori di ruote in lega leggera e in acciaio. “In mezzo ai portali seri, ve ne sono alcuni che commercializzano prodotti truffaldini, non originali o addirittura contraffatti, non conformi ai dettami europei contenuti nel Decreto 20 del 10 gennaio 2013” ha aggiunto il vicepresidente AsConAuto Giorgio Boiani.

La componentistica auto è un settore in crescita chee – secondo i dati Anfia, l’Associazione nazionale della filiera dell’industria automobilistica – occupa circa 136mila persone in 2.000 aziende, che nel 2014 hanno dato fatturato 38,8 miliardi di euro, di cui poco meno di 20 miliardi sono stati destinati all’export.

Sempre per dare maggior forza alla lotta contro le frodi, la Guardia di Finanza ha creato Siac, il portale destinato a sostenere la lotta contro la contraffazione.

BMW nel futuro
Precedente

BMW nel futuro sul web e... con un salto nel passato

boom del Car Sharing
Successivo

Da Aniasa il boom del Car Sharing in Italia