Eventi

Expo, si chiude: soddisfazione dello sponsor Fca

E’ in corso proprio in questo momento la cerimonia di chiusura di Milano Expo 2015, una manifestazione che ha dato un nuovo rilancio alla metropoli milanese. E si spera anche all’Italia e alla sua economia. I numeri, ancora ufficiosi, parlano di oltre 21 milioni di visitatori. Ma sin da ora gli sponsor dell’evento tirano le conclusioni della loro partecipazione. Tra cui vi sono anche Fca e Cnh Industrial che hanno fornito a Expo una flotta di automobili e un importante e strutturato piano di comunicazione. Partecipazione sintetizzata così in una nota: “Expo è stata una scommessa che si è trasformata in una straordinaria vetrina”.

Una vetrina che ha visto protagonista una flotta composta da settantuno Fiat 500L Natural Power alimentate a metano, dieci Fiat 500L Living, quattro Fiat 500L Trekking, dieci Fiat 500e ad alimentazione elettrica, per usi interni al sito espositivo, sei Jeep Gran Cherokee, due Lancia Voyager e due Maserati Quattroporte destinate a un uso di rappresentanza. In totale 105 auto a basso impatto ambientale.

Fca per Expo

Fca per Expo

Le 500L della flotta sono state messe a disposizione delle delegazioni dei 40 Paesi attraverso Share&Drive, un inedito servizio di car sharing che sfrutta il sistema di infotainment di bordo UconnectTM, connesso a una app sia su Apple iOS o Google Android. I guidatori autorizzati hanno potuto usare il proprio cellulare per prenotare la vettura in anticipo, localizzarla, aprire e chiudere le porte e terminare la sessione di noleggio in un qualsiasi parcheggio autorizzato, direttamente tramite l’app.

Bene i numeri: I più di 6.700 noleggi con circa 26 mila ore di utilizzo per oltre 270mila km percorsi, per driver soddisfatti, con un rating medio di 4,7 su 5. La delegazione più attiva su Share&Drive è stata quella del Kazakhistan, seguita da Svizzera e Irlanda, e i primi ad avvalersi del servizio sono stati i rappresentati del Sultanato del Brunei.

 

Precedente

Il Suv si fa lusso con l'Audi SQ5 TDI plus

Successivo

Con il Bmw ConnectedDrive Store le app salgono in auto