AutoEventi

Il lusso italiano a New York e Shanghai con Maserati One of One

  

Maserati One of One, il programma di personalizzazione sbarca a New York e a Shanghai.

Dopo Allegra Antinori che ha tenuto a battesimo il Suv Levante personalizzato in un intenso verde, presentato per la prima volta a Ginevra, il Salone della Grande Mela ha svelato un altro step del progetto della casa italiana che ha avuto per protagonista il due volte campione di basket NBA, Ray Allen.

Questa volta il colore scelto dal cestista statunitense è il blu Astro, che esprime l’affetto per la città di Miami per la cui squadra Heats ha ottenuto il secondo titolo nazionale.

“In Italia abbiamo avuto la possibilità di realizzare il progetto grazie alla dottoressa Allegra Antinori, la cui attività si sposa perfettamente alle eccellenze artigianali del concept di One of One”, spiega Marco Dainese, head of Corporate Sales di Maserati.

Continua: “Per noi questo è il vero made in Italy che gli imprenditori e i dirigenti di azienda possono scegliere per la propria auto e, da oggi, personalizzare”.

Vedi qui il video della presentazione di Marco Dainese alla Milano Design Week.

Maserati One of One, creazione condivisa con il cliente

Con la consegna delle chiavi della Levante Gts One of One a Ray Allen sono stati spiegati i particolari della personalizzazione, che vuole essere interpretazione del lusso nel senso di unicità e artigianalità italiane.

Il centro stile Maserati ha lavorato insieme al cliente per configurare la vettura in un processo di creazione condivisa, di cui la livrea blu è la prima caratteristica che esprime la personalità del driver.

“S’ispira al blu astrale della galassia, ma anche ai colori della magica Miami”, spiegano i designer della Casa.

Grazie alla finitura opaca, l’effetto cromatico complessivo è luminoso e vibrante, ma al tempo stesso metallico e anodizzato.

L’aspetto è più sportivo e tecnico, sottolineato anche dai dettagli esterni in fibra di carbonio sui coperchi dei retrovisori esterni e sulle maniglie delle porte.

Maserati One of One

Personalizzazione degli interni per Ray Allen

Ecco che i dettagli cromati scuri (coperchi prese d’aria, calandra, porta-targa, terminali di scarico, scritte Maserati e Levante, logo del Tridente sul montante posteriore) contrastano con la tinta opaca della carrozzeria.

Allen ha voluto che la finitura cromata scura fosse ripresa anche dai cerchi diamantati da 22”. Invece, la finitura delle pinze freno è dello stesso colore opaco “Blu Astro” degli esterni, che accentuano in questo modo la sportività del Suv.

Il Denim per gli interni: casual e senza tempo

I colori scelti per gli interni sono altrettanto caratteristici.

Ecco il quadro strumenti, la console centrale, i pannelli delle porte e i sedili sono tutti ispirati a un materiale casual e senza tempo, il denim. La pelle si caratterizza per l’effetto cangiante delle sfumature che, proprio come nei capi in denim stone washed, aggiunge un tocco di personalità che varia nel corso del tempo.

Al salone dell’auto di New York la casa del Tridente ha portato la gamma completa.

In particolare, il Suv Levante ha presentato le motorizzazioni V6 o V8 entrambe Twin Turbo, progettate e costruite da Ferrari.

Maserati One of One

Lo stand a Shanghai

Praticamente in contemporanea, al Salone di Shanghai è stata presentata la personalizzazione della Quattroporte Gran Lusso.

In questo caso la One of One è stata realizzata per il direttore di T-Magazine China, Xuan Feng. Anche lui ha voluto una particolare sfumatura di blu denim in finitura opaca.

Per gli interni i colori sono classico nero e bianco ghiaccio. Sottoplancia, pannelli delle portiere e sedili sono di questa colorazione bicolore. Il tunnel centrale, l’inserto plancia e i pannelli delle portiere sono in radica 100% naturale in azzurro denim. Questo particolare materiale appare per la prima volta su una vettura dell’attuale gamma del Tridente.

Durante la settimana del design milanese, lo storytelling di lusso e artigianalità si è sviluppato in quattro “botteghe”. Scoprile qui.

tax guide Acea
Precedente

Tax Guide Acea: Italia terzo Paese in Europa

Optional
Successivo

L'optional preferito per l'auto? L'aiuto al parcheggio