Mercato auto 2023

Mercato auto e Lcv Italia: crescono le autoimmatricolazioni 2023

Risultato in apparenza molto positivo a settembre per il mercato dell’auto 2023 in Italia: +22,76% per le Passenger Cars e +42,71% per i Light Commercial Vehicles. Ma mentre per questi ultimi l’incremento è dovuto soprattutto a un’accelerazione delle consegne degli ordini pregressi, per il comparto auto una parte consistente delle targhe aggiuntive è ascrivibile alle auto-immatricolazioni, che questo mese sono quasi raddoppiate rispetto a settembre 2022.

Il mese che chiude il terzo trimestre ha visto una crescita similare alla media del mercato per il canale privati (+23,09%), una performance appena inferiore per quello delle aziende che acquistano direttamente (+18,11%), mentre il noleggio a lungo termine si è dimostrato molto inferiore alle attese (la crescita di quest’anno è di un terzo di immatricolazioni in più), con un incremento a settembre di solo il 3,52%.

Già ad agosto il NLT aveva vacillato, con il primo risultato negativo del 2023 (-6%). In rosso il noleggio a breve termine: -20,74%. Come accennato in precedenza, il canale delle auto-immatricolazioni è stato quello che ha fatto segnare il rialzo più consistente, con le targhe a uso proprio delle concessionarie a +64,35% (sono circa 5.300 immatricolazioni in più), quelle a uso proprio degli Oem quasi decuplicate e l’uso noleggio raddoppiato. Un risultato così eclatante delle auto-immatricolazioni è indice della prosecuzione delle forzature di mercato, che viene sostenuto a suon di km zero, peraltro quasi mai di tipologia corrispondente a ciò che desiderano gli automobilisti.

Mercato Veicoli Commerciali 2023 in Italia

Nell’ambito dei veicoli commerciali leggeri, continua la rincorsa al consolidamento della crescita dei volumi: dal 29% in più di luglio al +37,5% di agosto, fino ad arrivare al +42,7% di settembre. In questo caso, però, a differenza del comparto Passenger Cars, il contributo del canale dei “privati” (cioè ditte individuali, artigiani e professionisti) è modesto (la crescita è soltanto del 6,92%), mentre è un po’ più evidente per le società che acquistano direttamente (+22,34%, comunque molto meno della media del mercato LCV).

Protagonista del mercato dei mezzi da lavoro a settembre è il canale del noleggio a lungo termine: +82,91%: ormai il NLT vale in termini di volumi quasi quanto il canale delle società. Elemento comune al comparto Passenger Cars, invece, è la performance delle auto-immatricolazioni, che a settembre sono più che raddoppiate (+107,84%).

mercato auto 2023

Commento 2023 e previsione 2024

Dataforce presenta questo mese il primo forecast per il 2024, basandosi sui numeri del mercato auto 2023: l’anno prossimo la previsione è di un mercato Passenger Cars di 1.650.000 unità (+3,1% sull’ipotesi di chiusura 2023), mentre per i Light Commercial Vehicles il volume complessivo del 2024 è ipotizzato a 170.000 unità (+3%).

“Il mercato continua a essere drogato dalle auto-immatricolazioni”, commenta Laura Gobbini, Project management Data Analyst di Dataforce Italia. “mentre il mercato vero mostra qualche segno di cedimento, soprattutto nel comparto del noleggio. I numeri di Settembre parlano da soli: +92% di km0 e +17% del resto del mercato, con il noleggio lungo termine che rallenta per l’esaurimento della coda ordini, mentre il breve termine per via della stagionalità.  Unico segnale positivo: il canale dei privati a settembre è cresciuto più della media del mercato. Ma le famiglie non comprano auto elettriche: puntano sempre sulle benzina o, al limite, sulle auto a gas”.

Advertisement

Lascia un commento

*