AutoGreen

Nissan sbarca nella metropolitana di Milano

Come da noi anticipato più di 10 giorni fa (leggi: La Domination della Nissa Leaf a Garibaldi) le auto Nissan entrano nella metropolitana di Milano grazie a un accordo triennale con il comune. Il costruttore giapponese ha infatti annunciato di aver brandizzato la fermata Garibaldi della linea 5 della sotterranea, uno degli hub del sistema del trasporto pubblico meneghino dove ogni giorno transitano oltre 65.000 passeggeri.

La strategia di Nissan punta in 2 direzioni: da un lato brandizzare la stazione della M5 che si chiamerà “Garibaldi FS Nissan”, sul modello di quanto già avvenuto per altre 2 fermate della stessa linea. Dall’altro, utilizzare gli spazi interni per mettere a contatto gli utenti con il mondo dell’auto della casa nipponica, dove l’alimentazione elettrica gioca un ruolo molto importante.

La comunicazione Nissan è basata su una serie di schermi interattivi, dove i passeggeri possono scoprire le novità del costruttore e addirittura prenotare un test drive grazie alla tecnologia Qr code e poi salire a bordo di una vettura in uno dei concessionari sparsi per la città. Un grande schermo da 70 metri quadrati, oltre a mostrare immagini sulle auto e sul mondo Nissan, è dotato di una tecnologia che permette di rilevare la presenza delle persone in ascolto e di comunicare attraverso messaggi audio trasmessi tramite la tecnologia “soung shower” ascoltabili solo a chi si trova sotto gli altoparlanti.

“In questa prima fase del progetto, Nissan punta i riflettori sulla tecnologia 100% elettrica, esplosa nel 2010 con la commercializzazione della Leaf, la prima auto emissioni zero a essere venduta su larga scala, ormai commercializzata in circa 200mila esemplari in tutto il mondo di cui circa 1.500 in Italia. Il grado di soddisfazione dei clienti che la guidano? E’ vicino al 96%, indice di un apprezzamento che ci ha spinto a intraprendere questa comunicazione, visto che la mobilità elettrica è percorribile da molti” ha detto Bruno Mattucci, amministratore delegato di Nissan Italia.

Intanto la mobilità elettrica farà sempre più parte di Nissan, che ha nella nuova Leaf il suo cavallo di battaglia: nei giorni scorsi, infatti, la casa giapponese ha lanciato negli Usa la nuova versione della vettura, alla quale è stata aumentata l’autonomia con nuove batterie al litio da 250 km. Nel futuro anche la guida autonoma, che entro il 2020 potrebbe diventare realtà grazie all’innovazione tecnologica.

Una curiosità sulla Nissan Leaf: nei 5 anni di utilizzo, i proprietari hanno percorso circa 2 miliardi di chilometri, pari al doppio della distanza tra la Terra e Giove, con un risparmio di oltre 320mila tonnellate di CO2.

Precedente

Pininfarina finisce agli indiani di Mahindra

Successivo

Star Wars e le iniziative stellari di Fca, anche con Dodge e Viper