Sguardo sul futuro

Un paese a idrogeno secondo il piano nazionale per la Mobilità

L’Italia per l’idrogeno. Nasce un piano nel Belpaese per arrivare ad avere sulle strade tricolori nel 2025 27 mila veicoli a idrogeno, che diventeranno 8 milioni nel 2050 (oltre il 20% del parco circolante), affiancati da 23 mila autobus (il 25% del parco) con oltre 5 mila stazioni di approvvigionamento.

Stime importanti contenute nella proposta di Piano Nazionale per la Mobilità a Idrogeno, un capitolo del Piano strategico dell’Italia per lo sviluppo dei combustibili alternativi (GNL, metano compresso, elettrico ed idrogeno), che dovrà essere presentato dal Governo alla Commissione Europea entro novembre, come previsto dalla Direttiva 2014/94/UE sullo sviluppo del mercato dei combustibili alternativi.

Il Piano per la Mobilità a Idrogeno in Italia è stato pensato in due step; al 2025 e al 2050 e include anche la produzione di idrogeno da steam reforming di gas naturale e biometano e da elettrolisi dell’acqua da rinnovabili.

“L’efficienza dei veicoli a metano è sorprendente  ed è bene ricordare che i motori a fuel cell, rispetto ai motori a combustione interna, rilasciano nell’atmosfera solo vapore acqueo. I veicoli leggeri con 1 kg di idrogeno oggi percorrono 100 km, hanno livelli di autonomia al passo con le altre vetture (500-750 km con un pieno) e i tempi di rifornimento sono inferiori ai 5 minuti” ha spiegato Alberto Dossi, Presidente del Comitato di Indirizzo Strategico di Mobilità Idrogeno Italia (MH2IT)

Secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia per contenere l’aumento della temperatura sotto i 2°C, il numero di vetture a celle a combustibile alimentate a idrogeno circolanti nel 2050 tra Francia, Germania, Italia e Regno Unito non potrà essere inferiore a 40 milioni. L’Europa ha stanziato per l’auto a idrogeno solo per il 2015 fondi per 123 milioni, mentre sono 665 quelli messi a disposizione per il periodo 2014-2020. Il comitato europeo della mobilità ad idrogeno ha annunciato un progetto da 100 milioni di euro per immettere sulle strade europee 1.230 veicoli a idrogeno a celle a combustibile  e aprire 20 ulteriori stazioni di servizio grazie ai finanziamenti del programma europeo Horizon 2020.

Precedente

La crossover Toyota C-HR arriva sul mercato

Successivo

La guida autonoma va off road con Jaguar Land Rover