Apre Habita79, l’hotel con vista sugli scavi di Pompei

Ha appena aperto le porte Habita79 Hotel and Spa Pompeii– Mgallery, boutique hotel a vocazione Mice a pochi passi dagli scavi archeologici di Pompei e a 20 minuti d’auto da Napoli.

La struttura occupa un palazzo di fine Novecento di proprietà del Santuario di Pompei. L’edificio in stile neoclassico sino al 1992 aveva ospitato il Grand Hotel del Rosario. Oggi, rinnovato da un pool di architetti nel rispetto del contesto paesaggistico, è  un 4 stelle del brand di alta gamma del gruppo Accor.

Habita79: i numeri dell’hotel sugli scavi di Pompei

Una camera di Habita79 Hotel and Spa Pompeii

Gli interni di una delle 79 camere di Habita79 Hotel and Spa Pompeii

Dispone di 79 camere, comprese 10 suite, e 2 ristoranti.

Il Circolo propone piatti tipici della tradizione campana in un ambiente retrò anni Cinquanta affacciato su 2 giardini. Invece, The Roof, sulla terrazza, serve cocktail e una cucina fusion rivisitata. L’impareggiabile vista è sull’area archeologica di Pompei.

Per il tempo libero, la proposta di Habita79 Hotel and Spa Pompeii è doppia.

Il solarium dell’ultimo piano, con lettini, ombrelloni, docce e una piscina, più la Spa. Ampia 300 metri quadrati, si snoda tra vasca idromassaggio interna, sauna, bagno turco, doccia emozionale e zona relax.

Un boutique hotel: gli spazi Mice

Sul fronte Mice ci sono 5 sale meeting modulabili, tutte dotate di luce naturale e sistemi di domotica.

A queste si aggiunge una sala eventi con cucina indipendente. Utilizzabile per banchetti, può essere collegata alle sale meeting tramite videoconferenza, consentendo di ospitare congressi fino a 300 partecipanti.

L’ospitalità è green

La riqualificazione dell’edificio è stata compiuta con grande attenzione al green.

L’utilizzo congiunto di un impianto geotermico, una centrale di cogenerazione, un sistema di accumulo a glicole, oltre ad altri di termoregolazione evoluta, si traducono in significativi risparmi energetici.

Sempre con sguardo alla sostenibilità, all’ingresso dell’hotel sono collocate 2 stazioni di ricarica per autovetture elettriche e ibride plug in da 22 kilowatt ciascuna, gestite da Enel X.

torre-belem-Lisbona-Portogallo
Precedente

Portogallo: protocolli e sostegni economici per gli organizzatori di eventi

fare ripartire il MICE
Successivo

Fare ripartire il MICE: quando e come. Parlano le grandi agenzie