JW Marriott Venice Resort: Cristiano Cabutti è il nuovo general manager

È Cristiano Cabutti il nuovo general manager del JW Marriott Venice Resort & Spa, l’unica struttura in Italia del brand di lusso di Marriott International. Precedentemente area director of sales & distribution Southern Europe per la stessa catena americana, Cabutti sovrintenderà alla gestione operativa e manageriale della struttura sull’isola delle Rose che riaprirà in primavera.

Marriott

L’ingresso del JW Marriott Venice Resort & Spa

Il JW Marriott Venice Resort & Spa dispone di 266 stanze e suite, 4 ristoranti e altrettanti bar, spa e un centro congressi. I planner possono contare su una plenaria da 380 posti e 9 sale meeting, da 15 a 60 posti (approfondisci qui su JWVenice.it).

Marriott Venice: un ritorno per Cabutti

Quello di Cabutti è in realtà un ritorno al JW Marriott Venice. La sua carriera in Marriott International era infatti iniziata nel 2013 proprio come director of sales & marketing della struttura veneziana. Fin dalla fase di preapertura. «Sono entusiasta di tornare al JW Marriott Venice nelle vesti di general manager e di poter contribuire a far conoscere questa bellissima isola privata come location esclusiva dove scoprire – in un ambiente totalmente sicuro – un servizio unico ed attento. L’incredibile varietà di attività proposte, insieme allo straordinario range di programmi dedicati al benessere, si affianca a un’offerta di esperienze culinarie uniche, contribuendo a far diventare il JW Marriott Venice un resort iconico e d’eccellenza in Europa».

Satya Anand nuovo presidente Emea

Quella di Cabutti non è l’unica nuova nomina in casa Marriott. Il gruppo ha infatti appena dato l’incarico a Satya Anand di presidente di Europa, Medio Oriente e Africa-Emea.

Satya Anand, è il nuovo presidente di Europa, Medio Oriente e Africa-Emea di Marriott

Anand, che ha recentemente coperto la carica di chief operations officer, luxury & southern europe e global design Emea, subentra a Liam Brown, a sua volta nominato group president Stati Uniti e Canada per Marriott.

La grande sfida dell’hospitality

Il manager si prepara a una grande sfida. Nel suo nuovo ruolo sarà infatti a capo della strategia di ripresa post Covid-19 dei 998 hotel Marriott International della regione.

Guiderà il lancio di iniziative e campagne per dare nuova forza al settore puntando su proposte flessibili e soluzioni tecnologiche digitali come le chiavi elettroniche, il check in automatico e la chat tra gli ospiti e il personale dell’hotel.

The St. Regis Venice presenta 9 suite di lusso

Una carriera in Marriott dal 1988, Anand lo scorso anno ha anche supervisionato l’apertura di The St. Regis Venice.

E proprio in occasione del suo primo compleanno, l’hotel composto da 5 edifici lungo il Canal Grande presenta le nuove suite di lusso: le 4 suite Monet, le 2 roof garden suite, la Santa Maria, la penthouse e la Masquerade suite.

La luce di Claude Monet

Marriott

Living room di una suite Monet


Le suite Monet sono nel palazzo Badoer Tiepolo. Il design degli interni è ispirato agli acquerelli del pittore impressionista francese. Elementi centrali nei salotti sono i dipinti commissionati a Olivier Masmonteil che celebrano la maestria di Monet nel catturare la luce speciale di Venezia.

La presidential suite, la più maestosa delle suite Monet, con 2 camere da letto, occupa l’intero spazio fronte acqua, al secondo piano nobile del palazzo.

Marriott

Vista su Venezia dalla presidential suite

Giardini sul Canal Grande

Il fascino dei giardini segreti della città è la fonte di ispirazione per gli interni delle due roof garden suite. Tutte le terrazze esterne sono arredate con un lounge set e un tavolo da pranzo per 3 persone. La suite Santa Maria è invece situata all’ultimo piano del palazzo Barozzi. Gli interni sono arricchiti da oggetti d’arte, tra cui decorazioni in vetro di Berengo Studios, sculture di Massimiliano Pelletti e opere di Aurore de la Morinerie e Amelie Hegardt.

All’esterno, un giardino terrazzato distribuito su due livelli offre un lounge set e un tavolo da pranzo per quattro persone. Questa scenografia è ideale per ospitare anche eventi privati con cocktail fino a 40 partecipanti e cene sedute fino a 30.

La penthouse suite, con 3 camere da letto, è la residenza più grande dell’hotel, all’ultimo piano del palazzo Ca’ Nova. La sua caratteristica è il giardino terrazzato che si sviluppa intorno al perimetro.

Il Carnevale di Venezia in una suite

La Masquerade suite si sviluppa su 2 livelli. Il suo design interpreta la teatralità veneziana e l’eredità culturale del Carnevale. Le pareti sono impreziosite da una selezione curata di maschere e illustrazioni di moda ed elementi di arredo che richiamano gli eventi storici della città lagunare.

 

We Group
Precedente

We Group firma la convention di Stanhome con 10mila venditori

digital storytelling
Successivo

Digital storytelling: PalazziGas Events fa tornare Live i professionisti degli eventi