PLF green pass germania

PLF, Green Pass e Germania: come viaggiare dall’Italia e ritorno

Dopo l’ordinanza del 25 maggio 2022, per i viaggi in Germania non ci sono più requisiti sanitari obbligatori da mettere in atto.

A partire dal 31 maggio 2022, infatti, i viaggiatori non sono più tenuti a presentare Green Pass, certificati di vaccinazione o guarigione, né il risultato negativo di un tampone.

Le uniche eccezioni sono applicate a Paesi considerati “a rischio nuove varianti” in cui sussistono ancora degli obblighi da osservare pre-partenza.

Vediamo nello specifico.

Serve il Green Pass per entrare in Germania?

In linea generale, dalla fine di maggio in poi per entrare in territorio tedesco non sussisterà più nessun obbligo: si entrerà liberamente nel territorio.

Ciò significa che i viaggiatori italiani potranno recarsi in Germania senza dover presentare Green Pass, Plf o certificazioni.

Sussistono, tuttavia, particolari regole da osservare in caso di permanenza, nei dieci giorni precedenti all’ingresso in Germania, nei Paesi considerati “a rischio varianti“.

Questi Paesi sono classificati sul sito dell’RKI. Ad oggi il Governo tedesco non ha inserito nessuno Stato nell’elenco ma, ad ogni modo, consigliamo sempre di controllare la lista prima di mettersi in viaggio.

Iscriviti alla Newsletter di MissionOnline

Germania e “Paesi a rischio varianti”

La grande novità, a partire dal primo giugno 2022, è che è stata abolita la categoria delle “zone a rischio” generica e sussisterà solo la categoria delle “zone a rischio di nuove varianti” nei dieci giorni precedenti all’ingresso in Germania.

Con questo si intendono aree in cui c’è alto rischio di infettarsi a causa di una particolare nuova variante di Covid-19. I Paesi vengono valutati in base all’incidenza della variante in termini di infezione e dell’efficacia dei vaccini contro di essa.

I viaggiatori appartenenti a questa categoria sono obbligati, innanzitutto, a compilare un modulo di registrazione digitale d’ingresso in Germania a questo link. Riceveranno successivamente un PDF come conferma.

Dopodiché chi ha soggiornato in una zona a rischio di variante dovrà fornire il risultato negativo di un test molecolare (in ogni caso, anche in caso di vaccinazione o guarigione) effettuato entro le 48 ore dalla partenza. Questo può essere controllato a campione dal personale competente o dalla polizia federale.

I ragazzi sotto i dodici anni non sono obbligati a presentare la prova del test.

Per ulteriori dettagli rimandiamo al sito del Ministero della Salute tedesco e vi consigliamo di monitorare il sito Viaggiare Sicuri prima di mettervi in viaggio.

Quarantena: regole ed eccezioni

A differenza della legislazione precedente, tutti i viaggiatori  che abbiano soggiornato in un territorio “a rischio di nuova variante” nei dieci giorni precedenti all’ingresso in Germania, sono tenuti a sottoporsi a un autoisolamento. In tutti i casi è obbligatoria una quarantena domestica di 14 giorni.

Le uniche due eccezioni, che danno diritto a una fine preventiva della quarantena, sussistono se:

  • Il Paese in cui si è soggiornato nei dieci giorni precedenti viene rimosso dall’elenco dei Paesi “a rischio di nuove varianti” dal Governo tedesco
  • La persona dimostra di essere stata completamente vaccinata con un vaccino contro il SARS-CoV-2 che il Robert Koch Institute ha determinato ed espressamente dichiarato come sufficientemente efficace contro la variante Covid in questione. Tuttavia, questa seconda eccezione deve ancora essere confermata dall’RKI.

Entrare in Germania e le regole all’interno del Paese

Una delle grandi novità a partire dal 31 maggio 2022 è che la Germania ha genericamente abolito la precedenteregola delle 3G“, che garantiva l’ingresso solo ai vaccinati, guariti o testati. Questo vale a seconda della situazione epidemiologica dei diversi Lander.

Per questo motivo, consigliamo di contattare sempre in anticipo la struttura ricettiva o il centro congressi, al fine di apprendere direttamente le modalità di accettazione e le formalità necessarie, qualora ve ne fossero.

In linea generale, sui mezzi pubblici e nei luoghi di cura rimane l’obbligo di indossare la mascherina.

Come abbiamo detto, però, ogni stato federale applica regole specifiche. Potete controllare la situazione delle diverse aree sul sito del Ministero della Salute tedesco, a questo link.

Viaggiare dalla Germania all’Italia: le regole di rientro

L’Ordinanza del 22 febbraio 2022, che semplificava i requisiti di ingresso in Italia, non è stata ulteriormente prorogata dal Ministero della Salute italiano.

Ciò significa che dal 1° giugno 2022 non è richiesta alcuna documentazione per l’ingresso in territorio italiano. Tutti i viaggiatori indistintamente dal loro stato (vaccinati, non vaccinati o guariti) possono viaggiare o tornare in Italia e non sono più obbligati a dare prova di un Green Pass.

Fino al 15 giungo 2022 è tuttavia ancora necessario indossare dispositivi di protezione FFP2 su aeromobili, navi e traghetti e treni.

Per aggiornamenti sui viaggi in Germania ➤ iscriviti alla Newsletter MissionOnline

Advertisement

Lascia un commento

*