MissiOnewsTMCTrasporti

Shopping di voli: i Gds integrano Routehappy ed il contenuto è più ricco

Routehappy si fa strada, anche nei Gds. Non passa giorno che la società newyorchese che aiuta l’industria dei viaggi a distribuire i suoi contenuti sui vari canali non annunci una nuova integrazione. Dalle online travel agency ai metasearch come Kayak, passando per i global distribution systems (Gds) ormai la tecnologia di proprietà di Atpco (dall’anno scorso) è a bordo di svariate piattaforme che offrono l’accesso ai voli, sia al business travel via Tmc sia business to consumer.

Gli ultimi accordi vedono, nell’ordine degli annunci, Sabre e Amadeus integrare Routehappy. In entrambi i casi i due Gds includeranno i servizi sia nella piattaforma cui accedono le agenzie di viaggio e le travel management company sia nelle loro Api, cioè le interfacce di programma utili agli sviluppatori per inserirli in self booking tool e quant’altro.

Perché deve interessare il business travel?

La risposta è semplice pur sembrando complessa. Nella corsa all’adozione di Ndc da parte delle linee aeree, che vogliono avere più possibilità di dialogare direttamente con la distribuzione, i Gds non stanno certo a guardare e si alleano con la tecnologia che ha ancora in mano la più parte della veicolazione delle tariffe aeree (Atpco). Non a caso quest’ultima ha acquistato Routehappy nel febbraio 2018.

Gli stakeholder dei viaggi d’affari potranno continuare ad accedere ai contenuti delle compagnie aeree senza abbandonare gli ambienti di prenotazione Gds, laddove questi ultimi offriranno le soluzioni Routehappy. Nate proprio per permettere di confrontare i prodotti delle aerolinee non solo sulla base di prezzi e orari, ma secondo tanti fattori come bagagli inclusi, entertainment, wi-fi, posti, pasti e altro ancora.

Cosa dicono Sabre e Amadeus

“L’accordo di lungo termine con Sabre dimostra lo slancio della trasformazione nello shopping dei voli. Il punto di svolta per modernizzarlo su vasta scala è finalmente arrivato”, commenta Robert Albert, Evp Retailing in Atpco e precedentemente Fondatore e Ceo di Routehappy.

“Attraverso l’integrazione dei contenuti arricchiti di Routehappy nella piattaforma viaggi Amadeus, i viaggiatori e gli operatori trarranno beneficio dalla migliorata capacità di confrontare le offerte dei fornitori utilizzando caratteristiche di viaggio, foto e descrizioni più dettagliate”, afferma Gabriele Rispoli, direttore commerciale di Amadeus Italia.

In pratica, con Routehappy i Gds compiono un altro passo nella trasformazione digitale, che 7 anni fa sembrava potesse mandarli fuori strada con l’avvento di Ndc e, più recentemente (nel 2016, ndr), con l’evoluzione di One Order che darà al passeggero un solo numero di riferimento (booking reference number) al posto dell’odierno Pnr, per tutti i documenti di volo, inclusi i servizi accessori. Oggi questi ultimi risiedono in altri codici. Avendo tutte le informazioni, anche dei pagamenti, in un solo “numero”, se ne trarranno risparmi di gestione, ma allo stesso tempo investimenti per istruire gli utilizzatori.

Routehappy, chi è?

L’azienda è nata da un team di esperti di aviazione e di dati, nonché di appassionati di applicazioni web del settore dei viaggi online e di altri settori che hanno deciso che la ricerca di voli era troppo focalizzata sul prezzo e sugli orari. Dunque non valorizzava l’ampiezza delle differenze di prodotto disponibili oggi e che la tecnologia Ndc di Iata sta portando a galla. “Così abbiamo creato la prima soluzione rich content nel suo genere per lo shopping dei voli”, spiega Routehappy sul sito, in questa pagina.

 

Biometria negli aeroporti
Precedente

Negli States con il riconoscimento facciale biometrico: Emirates per prima

tariffe hotel corporate
Successivo

L’intelligenza artificiale al servizio delle tariffe hotel corporate