MissiOnewsTrasporti

Sciopero 24 luglio, anche autonoleggio e soccorso stradale

Lo sciopero nazionale indetto dalle rappresentanze sindacali dei trasporti coinvolge anche l’autonoleggio, il soccorso stradale e l’informazione sul traffico.

Lo fanno sapere Aci Global, Aci Global Servizi e Aci Infomobility.

Per quanto riguarda il car rental, il soccorso stradale e l’infomobilità le modalità di adesione all’agitazione dei dipendenti saranno le seguenti:

  • personale delle centrali operative: ultime 4 ore del turno/prestazione;
  • il restante personale durante l’intero turno

Le società garantiranno, comunque, i servizi minimi essenziali delle proprie centrali operative di assistenza di Roma e di Milano.

Come comunicato gli scioperi dei trasporti sono due – 24 e 26 luglio – e coinvolgono tutti i trasporti: quello pubblico locale, le ferrovie, le autostrade e le compagnie aeree. In questo articolo vi abbiamo ricordato le motivazioni e di come le tre sigle sindacali nazionali – Cgil, Cisl e Uil – non prendevano una decisione corale così da anni.

Sciopero 24 luglio, treni garantiti

Per lo sciopero del 24 luglio di Trenitalia, la lista dei treni garantiti è a questo link. La compagnia ferroviaria adempie in tal modo agli obblighi di legge (la 146 del 1990), che prevedono alcuni servizi indispensabili in accordo con la Commissione di garanzia degli scioperi. Lo stesso per Italo, a questo link.

Sciopero di venerdì 26 luglio, tutto il giorno

Due giorni dopo, il 26 luglio, a fermarsi sono anche i lavoratori degli aeroporti per 24 ore. Alitalia sciopera per altre 24 ore, mentre Air Italy per 4 ore con il personale di terra. In questa pagina, Enac pubblica i voli garantiti.

Un’altra protesta di 4 ore è dalle 10 alle 14 riguarda gli addetti degli scali aeroportuali, tranne i controllori dell’Enav.

Uiltrasporti fa sapere: “È urgente riformare il quadro nazionale delle regole del trasporto aereo, per garantire condizioni eque di competizione tra imprese”.

I punti da risolvere sono questi:

  • eliminare il dumping contrattuale con una legislazione di sostegno al CCNL di settore per sgombrare il campo dalla concorrenza che gioca esclusivamente sul ribasso dei contratti e delle retribuzioni dei lavoratori di volo e di terra;
  • avviare subito le trattative di rinnovo delle sezioni specifiche del contratto nazionale;
  • rifinanziare in modo strutturale il fondo di solidarietà.

“A sostegno di queste imprescindibili urgenze e della piattaforma unitaria ‘Rimettiamo in Movimento il Paese’, tutto il trasporto aereo italiano sciopera il 26 luglio”, conclude il sindacato.

A questo link del ministero dei trasporti l’agenda completa.

Aggiornamento dal MISE sullo sciopero del 26 luglio

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emesso un’ordinanza di riduzione dell’orario di sciopero del trasporto aereo di Alitalia a 4 ore rispetto alle 24 ore confermate dai sindacati, per venerdì 26 luglio.

Infine, i sindacati hanno differito l’agitazione al 6 settembre per mantenere la durata di agitazione di 24 ore.

NZeTA
Precedente

E' in arrivo NZeTA, l'autorizzazione elettronica per entrare in Nuova Zelanda

pil reale è debole
Successivo

L’Uvet Travel Index tra Pil reale debole e record di occupazione