MissiOnewsTMC

Un 2015 positivo per Cwt. Malgrado il settore oil

Carlson Wagonlit Travel (CWT) chiude un ottimo 2015 con un volume di 1,7 miliardi di dollari. Le transazioni, stabili, ammontano a 61,4 milioni, mentre il volume complessivo di traffico si è attestato a 24,2 miliardi di dollari, con i soli settori petrolifero ed energetico in flessione. Escludendoli le transazioni mostrano infatti un aumento dell’1,3% anche se CWT Energy, Resources & Marine, la divisione specializzata nel facilitare le trasferte delle società che operano nei servizi petroliferi e gas, esplorazioni marine e trivellazioni ha acquisito 265 milioni di dollari di new business e ottenuto un significativo tasso di retention pari al 95%.

Tra i mercati bene il Nord America cresciuto del 1,1%, mentre Europa, Medio Oriente e Africa hanno visto un segno meno dell’1,2%, con un calo ancora più sostenuto in America Latina, in particolare a causa della recessione economica in Brasile del 7,8%. Stabili, invece, i volumi in Asia Pacifico.

Il mercato italiano ha raggiunto 74,2 milioni di dollari di new business, con una crescita di ben il 30,3% rispetto al 2014 che già aveva registrato una ottima performance, con diversi nuovo settori. Il numero di transazioni gestite si è attestato a quota,6 milioni, con un incremento del 4,1% rispetto all’anno precedente. In forte crescita il tasso di adozione dell’online a più 15%, grazie alla possibilità di prenotare anche i treni attraverso il tool integrato CWT Book2Go e al team di progettazione e supporto di CWT.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2015 nonostante la persistente debolezza dell’economia: essi rappresentano la dimostrazione tangibile del contributo offerto da CWT ai clienti. Credo sia proprio l’unione tra la continua ricerca di innovazione, la qualità dei nostri processi e un servizio effettuato dall’uomo per l’uomo uno degli elementi che ci ha fatto scegliere anche nel 2015 da tante aziende italiane e multinazionali di ogni dimensione e chiudere l’anno con risultati in crescita”  ha commentato Antonio Calegari, amministratore delegato di CWT Italia.

“Il 2015 è stato un anno difficile per l’industria globale a causa del forte calo dei prezzi dell’energia e del petrolio in particolare. Nonostante ciò, noi abbiamo ottenuto risultati importanti” ha detto Douglas Anderson, presidente e Ceo di CWT , che ha proseguito “abbiamo anche continuato a focalizzarci sul miglioramento della nostra offerta tecnologica, con lo sviluppo della prenotazione di hotel tramite mobile da CWT To Go e con il lancio globale di CWT AnalytIQs, potente strumento per monitorare e gestire i dati di viaggio. Infine, abbiamo rafforzato la nostra strategia di crescita in Francia con l’acquisizione di Ormès, società leader nel settore Meetings & Events, e con la vendita di Havas Voyages dedicata ai viaggi leisure”.

Proprio la pluripremiata app CWT To Go ha avuto un vero e proprio boom durante l’anno del 62% nel numero di nuovi utenti, arrivati a quota 560mila.  Che, dallo scorso anno, possono utilizzare il nuovo tool di prenotazione hotel operativo in 17 mercati tra cui l’Italia, registrando un positivo riscontro con circa 35mila prenotazioni alberghiere e 10 milioni di dollari di vendite.

 

 

Precedente

Sri Lankan: addio a Roma a partire da maggio

Successivo

E' braccio di ferro sul London City Airport