MissiOnewsTrasporti

Dove volano Air France e Klm: al via la Summer Iata e rimpatri su Parigi

I voli dal 29 marzo, data di inizio della Summer Iata 2020, vedono Klm già pronta con l’operativo, seppur subirà ancora modifiche. La compagnia aerea olandese prevede di volare verso 25 destinazioni intercontinentali e 32 europee. Operando in tal modo circa il 10% del normale numero di voli. Da parte di Air France, invece, le operazioni si concentrano attualmente su un regime di “ponte aereo” per i connazionali che devono rientrare in patria in seguito alle misure di contenimento del Coronavirus che si attuano in tempi diversi nelle svariate nazioni del mondo.

Nelle ultime dieci settimane, le compagnie aeree di tutto il mondo hanno ridotto del 35% la capacità, circa 37 milioni di posti totali in meno, secondo gli analisti di Oag.

Voli dal 29 marzo 2020, il network intercontinentale di KLM

Il network intercontinentale di Klm sarà operato esclusivamente da Boeing 777 e 787. Infatti, i Boeing 747 verranno presto ritirati dalla flotta. Da Amsterdam Schphol, fino al 3 maggio il programma è soggetto a modifiche e vede New York con 4 servizi alla settimana, tra le altre rotte. In tutto, l’aerolinea olandese opererà 69 voli settimanali intercontinentali.

Destinazioni dal 29 marzo al 3 maggio, con possibilità di variazioni:

  • New York con 7 frequenze settimanali
  • Atlanta, Los Angeles, Calgary, Toronto, Città del Messico, Lima*, Dubai*, Johannesburg, Hong Kong, Seoul, Pechino*, Shanghai, Singapore e Taipei* con 3 frequenze settimanali
  • Tokyo, Chicago, Panama, Curacao, San Paolo, Abu Dhabi/Muscat, Nairobi*, Delhi*, Bangkok e Osaka, con 2 frequenze settimanali

Sulle rotte con l’asterisco si applicano restrizioni di viaggio molto rigide e il vettore inizialmente volerà verso di esse senza cargo. Il sito della compagnia per approfondire è qui.

In Europa, quante più connessioni possibili

 «La rete europea di Klm è studiata in modo tale che il maggior numero possibile di direttrici si colleghino al network intercontinentale», spiega una nota.

Ogni giorno, sono previsti collegamenti da Asmterdam Schiphol verso Aberdeen, Birmingham, Bristol, Dublino, Edimburgo, Glasgow, Leeds Bradford, London City, Londra Heathrow, Manchester, Newcastle.

Le destinazioni a seguire attualmente hanno limitazioni di viaggio molto rigide. Perciò, in una fase successiva, sarà valutato se e quando questi voli potranno essere effettuati:

Ginevra, Vienna, Zurigo, Bruxelles, Parigi, Lione, Düsseldorf, Francoforte, Amburgo, Monaco, Stoccarda, Berlino e Roma (dal 4 aprile).

E ancora, nella geografia ancora in definizione ci sono Stoccolma, Billund, Copenaghen, Göteborg, Oslo, Barcellona, Lisbona, Madrid, Aberdeen, Birmingham, Bristol, Dublino, Edimburgo, Glasgow, Leeds Bradford, London City, Londra Heathrow, Manchester e Newcastle.

I rimpatri di Air France

Al pari di Alitalia nel nostro Paese (ve lo scriviamo qui), anche Air France è impegnata in un fitto programma di voli speciali per i rimpatri dei cittadini dalle nazioni che per il diffondersi del Coronavirus entrano via via in “lockdown”.

«Stiamo lavorando in stretta collaborazione con il Ministero degli affari esteri e le ambasciate francesi per identificare le esigenze di rimpatrio di cittadini francesi ed europei e per implementare soluzioni di trasporto aggiuntive a tariffe specifiche il più rapidamente possibile», spiega la compagnia.

Ciò riguarda in particolare Portogallo, Maghreb, Senegal, Madagascar, Tahiti, Argentina, Cuba, Costa Rica, Messico, Perù, Repubblica Dominicana, Giordania, Tailandia, Maldive o Vietnam.

Ad esempio, dall’annuncio delle restrizioni riguardanti il ​​Marocco, Air France e Transavia hanno già organizzato oltre 100 voli su Parigi.

«Infine, per garantire un servizio regionale vitale per l’economia del paese, in collaborazione con i dipartimenti statali – continua -, Air France continuerà a gestire la maggior parte dei suoi servizi di rete sulla Francia continentale, così come verso la Corsica (in collaborazione con Air Corsica) e i dipartimenti d’Oltremare».

Il programma di voli dal 23 marzo, secondo le restrizioni annunciate fino al 19 marzo

In Europa: Amsterdam, Athens, Barcellona, Berlino, Dublino, Edinburgo, Francoforte, Ginevra, Lisbona, Londra, Madrid, Monaco, Stoccolma, Zurigo.

Africa: Abidjan, Bamako, Conakry, Cotonou, Libreville, Dakar

Nord America: New York, Los Angeles, Montreal, Mexico City

Sud America: Rio de Janeiro, San Paolo

Asia: Tokyo

Collegamenti aerei Air France interni e verso le terre d’Oltremare

Voli domestici da Parigi: Aurillac, Biarritz, Bordeaux, Brest, Brive, Castres, Clermont-Ferrand, Lorient, Lione, Marsiglia, Montpellier, Nantes, Nizza, Pau, Perpignan, Tolone, Tolosa.

​Dipartimenti d’Oltremare: Cayenne (Guyana), Fort de France (Martinica), Pointe à Pitre (Guadalupa), Saint Denis de La Réunion (Oceano Indiano).

Precedente

L’impatto del Coronavirus sulle Tmc: ripresa dei viaggi lontana

Diritti dei passeggeri
Successivo

I diritti dei passeggeri durante il Coronavirus, i chiarimenti della Commissione Europea