Sguardo sul futuro

Volkswagen lancia We Share, il suo servizio di car sharing

Dopo il gruppo Daimler con car2go, leader mondiale del car sharing, e BMW con DriveNow, che si sono di recente fuse con altre realtà sulla mobilità delle due società (vedi ad esempio MyTaxi o Moovel), anche Volkswagen ha ufficializzato la partenza del suo nuovo servizio chiamato di auto condivise We Share, che noi avevamo anticipato prima dell’estate (leggi qui). Un car sharing totalmente elettrico, che verrà lanciato nel secondo trimestre 2019 a Berlino con 2.000 vetture, di cui 1.500 eGolf e 500 e-Up!. Autovetture che, a partire dal 2020 saranno gradualmente sostituite da modelli della gamma I.D., le future auto elettriche del Gruppo di Wolfsburg.

Volkswagen lancia We Share, il suo servizio di car sharing. Partirà a Berlino nel 2019 con 1500 eGolf. A cui si aggiungeranno 500 e-Up!

We Share

Il servizio We Share di Volkswagen si rivolge a città con più di un milione di abitanti, quindi Berlino è perfetta, e sarà un servizio free floating con le auto che verranno ricaricate dai dipendenti dell’azienda. Dopo la capitale il servizio We Share sarà esteso ad altre città tedesche, con Amburgo in primis, poi all’Europa. La gestione naturalmente avverrà tramite un’app dedicata: “Per via della dimensione e della densità della popolazione, Berlino è il mercato ideale ed ha un grande potenziale. Vivono qui tante persone che hanno già sperimentato l’uso del car sharing, e il loro numero è in continuo aumento. Dal 2020 We Share supporterà l’introduzione della nostra nuova generazione di auto elettriche, i modelli I.D., e sarà un grande contributo per l’offensiva e-mobility di Volkswagen” ha commentato il lancio il dirigente della Casa Jürgen Stackmann.

Come già scritto la nuova offerta di mobilità urbana di Volkswagen non si limiterà alle auto, ma prevederà anche la micro-mobilità. Con l’I.D. Cityskater e l’I.D. Streetmate uno scooter e una sorta di monopattino,entrambi elettrici, presentati al recente Salone di Ginevra (leggi qui). All’hardware il Gruppo tedesco aggiunge poi anche diversi servizi, quali le app per trovare parcheggio, progettati per essere complementari alle soluzioni di mobilità offerte da MOIA, il brand di mobilità del gruppo di Wolfsburg con uffici a Berlino, Amburgo ed Helsinki.

BMW e Lufthansa
Precedente

BMW e Lufthansa per la visione futura della Casa di Monaco

Toyota e Uber
Successivo

Toyota e Uber per la guida autonoma